Recentemente mi è capitato che diverse persone mi abbiano chiesto come aprire un blog e come si svolge il mio lavoro di blogger e web content writer. Dopo aver cercato più volte di spiegare le dinamiche, ho pensato di scrivere un post che riassumesse un po’ tutti gli strumenti che uso nel mio lavoro – e che potrebbero essere utili a chi decide di aprire un blog oppure di lavorare da casa. Sì, perché oltre ad una certa fantasia e alla passione per la scrittura, occorrono anche cose molto più “terra terra” come la scelta della giusta rete internet tra le tante offerte internet casa disponibili. Vediamo quindi a livello pratico di cosa non si può fare a meno.

Aprire un blog: 5 cose che non puoi non avere!

1. UNO SPAZIO DI LAVORO ORGANIZZATO
Adesso vado in ufficio, ma quando lavoravo da casa mi sono scontrata con una cosa che non avrei mai pensato: il caos! E non parlo di una casa disordinata, ma del fatto che le cose che mi circondano nel mio spazio (foto, libri, ricordi, etc.) vanno benissimo se mi sto rilassando, ma diventano fonte di distrazione se devo lavorare. Ecco quindi che l’organizzazione della postazione di lavoro diventa fondamentale. Una scrivania spaziosa, una buona illuminazione, cancelleria ad hoc e poche distrazioni. Piuttosto, sostituite foto e magneti con una bacheca ispirazionale, a cui attaccare tutti i ritagli e gli appunti che in qualche modo vi aiutano a concentrarvi sul vostro business.

2. L’ATTREZZATURA NON È UN OPTIONAL
Attenzione: non sto dicendo che vi serva l’ultimo modello di Mac. Assolutamente no. Ma è chiaro che, se il vostro guadagno dipende da cosa scrivete o cosa fotografate, risparmiare troppo in questo ambito non è una buona idea. Mi spiego: producete solo file word? Va benissimo anche solo un tablet. Vi interessa la parte grafica? Magari un pc di qualità superiore vi offre più possibilità. Il vostro guadagno dipende anche dalle foto? Investite su una buona reflex, magari comprandola usata. È banale ma per avere buoni risultati, l’attrezzatura dovrà essere adeguata. D’altra parte, è un investimento sul vostro futuro! Un altro “ferro del mestiere”, se avete un blog, è il dominio di proprietà. Dà subito l’idea di un blog professionale.

3. CONNESSI SEMPRE E COMUNQUE
Una volta organizzata la location, acquistato il dominio e procurata l’attrezzatura di base, è fondamentale far fruttare il tutto. Come? Ma grazie alla rete, of course! La connessione, per chi apre un blog o comunque per chi lavora da casa, è fondamentale! Bisogna essere sempre reperibili, perennemente connessi e aggiornati – e possibilmente attivi sui social. Il che non vuol dire zero vita privata, anzi. Ma significa scegliere cosa di quella vita privata volete condividere con i followers per avvicinarli al vostro mondo. Il resto può rimanere in ombra, e non c’è nulla di male a spegnere il telefono se siete a cena col fidanzato, ma ammettiamolo: nel mondo digital, essere “sul pezzo” sempre può fare la differenza. Basti pensare ai topic di google o twitter, da sfruttare per parlare dei trend del momento e, quindi, essere più visibili sui canali social. Occhio quindi a scegliere l’operatore giusto quando valutate le varie offerte internet casa. E non disperate se non abitate in pieno centro a Milano o a Roma: c’è EOLO! Specializzato in internet a banda larga, EOLO utilizza la tecnologia via radio per portare internet ad alta velocità anche nelle zone più remote del Nord e Centro Italia, contrariamente a molti competitor che si concentrano solo sulle grandi città. Consultate le sue offerte internet casa, io ho trovato così l’offerta perfetta per la mia attività di blogging.

4. PROFESSIONALITA’ IS THE NEW BLACK
Questa mi sembra un’ovvietà ma avendo a che fare con diverse persone anche dall’altro lato della barricata, per lavoro, mi rendo conto che per molti ancora non lo è. Mail di richieste di collaborazione scritte in pessimo italiano, blog con foto sgranate e buie, profili Instagram con followers palesemente comprati, mancanza di rispetto delle scadenze… ecco, anche no. Se volete fare una cosa, fatela bene. O almeno al meglio delle vostre possibilità.

5. NON SI FINISCE MAI DI IMPARARE
Ormai di blog ce ne sono tantissimi. Come distinguersi? Scegliendo un argomento che vi sta davvero a cuore: risulterete più autentici. Magari non avrete milioni di followers, ma quelli che avrete vi seguiranno perché siete VOI. E su una cosa mi sento di insistere (a furia di sbagliare, si impara!): aggiornatevi in continuazione. C’è sempre da migliorarsi, soprattutto in un mondo come quello digital. Corsi di formazione, webinar, TED, ma anche seguire con l’occhio clinico chi vi piace per vedere (NON per copiare) come si muove in determinati ambiti. E sfruttate tutti i tool gratuiti, dalle app ai tutorial online… non c’è che l’imbarazzo della scelta, soprattutto all’inizio. Poi, se il blog diventa il vostro lavoro primario, o comunque è il vostro obiettivo, mettete in conto anche qualche investimento per la formazione su internet da casa. Alla lunga, paga.