Archivi mensili: maggio 2011

MY FIRST (LITTLE) HOME





Ho trovato una casaaaaaaaaaaa!!!!!!
E’ piccola ma ha una grande cabina armadio, è al primo piano ma è molto luminosa e soprattutto è tutta mia (ok, in affitto)!!!!
Le pareti sono bianche con rifiniture grigie, quindi sto pensando ad azzurro, blu, lilla e viola per personalizzarla. Non vedo l’ora di entrarci e renderla davvero mia, nel frattempo ecco alcune idee, aspetto i vostri consigli!!!!
PS: oggi sono tutta un punto esclamativo!















































Non vedo l’ora di avere le chiavi, andarci a vivere e mostrarvi un po’ di foto!!! Notte miei cari!!!


IN MEMORIA DI GIOVANNI






Palermo 23 Giugno 1992, Chiesa di San Domenico.
Il ricordo di Paolo Borsellino dell’amico e collega Giovanni Falcone, ad un mese dalla morte e di cui oggi si celebra l’anniversario della strage di Capaci:

“Giovanni Falcone lavorava con perfetta coscienza che la forza del male, la mafia, lo avrebbe un giorno ucciso. Francesca Morvillo stava accanto al suo uomo con perfetta coscienza che avrebbe condiviso la sua sorte. Gli uomini della scorta proteggevano Falcone con perfetta coscienza che sarebbero stati partecipi della sua sorte. Non poteva ignorare, e non ignorava, Giovanni Falcone, l’estremo pericolo che correva, perché troppe vite di suoi compagni di lavoro e di suoi amici sono state stroncate sullo stesso percorso che egli si imponeva. Perché non è fuggito, perché ha accettato questa tremenda situazione, perché non si è turbato, perché è stato sempre pronto a rispondere a chiunque della speranza che era in lui? Per amore! La sua vita è stata un atto d’amore verso questa sua città, verso questa terra che lo ha generato. Perché se l’amore è soprattutto ed essenzialmente dare, per lui, e per coloro che gli sono stati accanto in questa meravigliosa avventura, amare Palermo e la sua gente ha avuto e ha il significato di dare a questa terra qualcosa, tutto ciò che era ed è possibile dare delle nostre forze morali, intellettuali e professionali per rendere migliore questa città e la patria cui appartiene. Qui Falcone cominciò a lavorare in modo nuovo.
E non solo nelle tecniche di indagine. Ma anche consapevole che il lavoro dei magistrati e degli inquirenti doveva porsi sulla stessa lunghezza d’onda del sentire di ognuno. La lotta alla mafia (…) non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolgesse tutti, che tutti abituasse a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità, e quindi della complicità. Ricordo la felicità di Falcone, quando in un breve periodo d’entusiasmo, conseguente ai dirompenti successi originati dalle dichiarazioni di Buscetta, mi disse: la gente fa il tifo per noi. E con ciò non intendeva riferirsi soltanto al conforto che l’appoggio morale della popolazione dà al lavoro del giudice. Significava soprattutto che il nostro lavoro, il suo lavoro, stava anche sommovendo le coscienze, rompendo i sentimenti di accettazione della convivenza con la mafia, che costituiscono la sua vera forza. (….)
In questa situazione Falcone andò via da Palermo. Non fuggì. Tentò di ricreare altrove, da più vasta prospettiva, le condizioni ottimali per il suo lavoro. Per poter continuare a dare. Per poter continuare ad amare.
Nessuno tuttavia ha perso il diritto, e anzi il dovere sacrosanto, di continuare questa lotta. (….) Occorre evitare che si ritorni di nuovo indietro, occorre dare un senso alla morte di Giovanni, alla morte della dolcissima Francesca, alla morte dei valorosi uomini della sua scorta.
Sono morti per tutti noi, per gli ingiusti, abbiamo un grande debito verso di loro e dobbiamo pagarlo gioiosamente, continuando la loro opera; facendo il nostro dovere, rispettando le leggi, anche quelle che ci impongono sacrifici, rifiutando di trarre dal sistema mafioso i benefici che potremmo trarre (anche gli aiuti, le raccomandazioni, i posti di lavoro); collaborando con la giustizia, testimoniando i valori in cui crediamo, in cui dobbiamo credere, anche dentro le aule di giustizia: troncando immediatamente ogni legame di interesse, anche quelli che ci sembrano più innocui, con qualsiasi persona portatrice di interessi mafiosi, grossi o piccoli; accettando in pieno questa gravosa e bellissima eredità di spirito. Dimostrando a noi stessi e al mondo che Falcone è vivo”


Quando la gente parla di eroi, di persone di valore, di coraggio…. dovrebbe ricordarsi di Giovanni Falcone. E con lui, dovrebbe rivolgere un pensiero a tutti quegli sconosciuti che vivono secondo coscienza non accettando compromessi e che giorno dopo giorno mettono un piccolo mattone nel muro dell’onestà.



I WANT THE FAIRY TALE






Come ci ha insegnato una delle icone del cinema anni ’90, ovvero Pretty Woman, abbiamo tutte il sacrosanto diritto di cercare e volere la Favola (con la F maiuscola). E se di principi azzurri all’orizzonte non si vede traccia, si può correre ai ripari cercando di vivere il più possibile in maniera “favolosa” aiutandosi con i meravigliosi gioielli della Disney, che richiamano alcuni grandi classici della storia cinematografica a cartoni animati e soprattutto regalano ad un ontfit un tocco di magia e leggerezza. Per una giornata da sogno, anzi… da fiaba.



















































SULL’ORLO DEL PRECIPIZIO



Sono stati giorni difficili: non sapevo se parlarne oppure no, ma alla fine questo blog è diventato praticamente un diario e non metto alcun filtro, quindi se sono giorni duri non credo sia giusto nasconderlo parlando dell’ultima borsa di Chanel e facendo finta che tutto sia scintillante come sempre. Dopo venti giorni di ospedale è mancato mio nonno, cioè il papà di mio papà, che praticamente, insieme a mia nonna, mi ha cresciuta mentre i miei lavoravano. C’è qualcosa di profondamente naturale nel perdere un nonno oltre i vent’anni, quindi non mi lamento perchè me lo sono goduta davvero a lungo, ma vederlo in un letto di ospedale per giorni, mentre lentamente la convinzione di non uscirne si impossessava di lui, è stato straziante per me e per la mia famiglia, tuttora un po’ provata.  In più ho avuto alcuni casini sul lavoro che non hanno certo reso le giornate più facili, e cercare casa è praticamente un secondo lavoro a tempo pieno. Mi scuso per lo sfogo e concludo, voglio solo dedicargli un pensiero, poi prometto che da domani torno a parlare di cose frivole:


“IO NON SO DOVE VANNO LE PERSONE CHE MUOIONO, PERO’ SO DOVE RESTANO”
Non ti muovere
Margaret Mazzantini


Ti porto dentro, e so che anche questa volta come sempre mi rialzerò, perchè nella vita non si può pretendere di non cadere mai, ma si deve imparare a trovare la forza di rialzarsi sempre e camminare a testa alta. Me l’hai insegnato tu, ed è la lezione più preziosa.

NEXT FIVE THINGS….







Nuovo mese, nuova rubrica: “NEXT FIVE THINGS…” ovvero “le prossime 5 cose…” che voglio fare, che voglio comprare, che voglio vedere…. in fondo anche questo è un modo per conoscersi, no?! Ecco quindi la prima e la seconda puntata insieme, aspetti i vostri commenti!!




I PROSSIMI 5 VIAGGI CHE VOGLIO FARE



1. BIRMANIA


Alla scoperta delle meravigliose architetture dei suoi templi immersi nella natura




2. EGITTO


 Per rifare la crociera sul Nilo, a metà tra un’archeologa e Agatha Christie



3. INDIA


Perchè tornarci ha ogni volta un significato speciale


4. SAN PIETROBURGO 


Per passeggiare incantandomi come la prima volta della bellezza di questa città



5. VIETNAM


Per avventurarmi in una terra profondamente segnata ma che ha tanto da offrire




I PROSSIMI 5 FILM CHE VOGLIO VEDERE AL CINEMA



1. COME L’ACQUA PER GLI ELEFANTI


Per sognare un grande amore… eh già sono inguaribilmente romantica, lo ammetto!



2. L’ALTRA VERITA’


Per riflettere con un regista che è una garanzia



3. ANGELE E TONY


Perchè mi incuriosisce un film francese



4. LA DONNA CHE CANTA


Per cercare la verità che sta dietro alle storie della gente




5. SILVIO FOREVER



Per capire, o almeno provarci


E voi che viaggi vorreste fare (cinematografici e/o reali?)??


Instagram

  • Una delle cose per cui devo ringraziare di pi i
  • Ogni volta che inizio a pensare a dove andare a
  • Fuori continua a piovere? E io continuo a leggere! Questa
  • Un viaggio fai da te di 3 settimane in Caucaso
  • Quando si dice aperitivo con vista flametowers flametower skycrapers happyhourtime
  • solocosebelle del 2018 il viaggio a Hong Kong Una settimana
  • Un strada color arcobaleno per ricordare tutta la strada che
  • I colori dellIndia A volte mi mancano cos tanto che
  • Adoro Adoro le casette colorate del centro storico di Stoccolma

Archivi

  • 2018 (20)
  • 2017 (67)
  • 2016 (68)
  • 2015 (79)
  • 2014 (99)
  • 2013 (108)
  • 2012 (168)
  • 2011 (156)