IMG_5663

LA TRAPPOLA

Melanie Raabe

Corbaccio

“Gli stringo la mano, sorrido. La via per uscire dalla paura passa attraverso la paura”

Autrice di bestseller, la trentottenne Linda Conrads è un mistero per i suoi fan e per la stampa. Da undici anni non mette piede fuori di casa, una bellissima villa isolata sul lago di Starnberg. Solo pochissime persone fidate sanno che dietro al successo straordinario della scrittrice si cela un terribile segreto. Infatti, molti anni prima, Linda, entrando in casa della sorella Anna, l’ha trovata riversa a terra, brutalmente assassinata e ha intravisto l’omicida che si dava alla fuga e che non è mai stato identificato. «Perché Anna è dovuta morire?» è la domanda che tormenta Linda ogni giorno, così come il volto dell’assassino tormenta ogni notte i suoi sogni. Finché un mattino, per puro caso, Linda riconosce in televisione il viso dell’assassino: è un giornalista di nome Victor Lenzen. E per la scrittrice incastrarlo diventa l’unica priorità. Per farlo si serve dell’unica arma che ha a disposizione, ovvero la sua capacità di scrivere: Linda scrive un giallo basato sulla morte della sorella e poi si mette in contatto con Victor per un’intervista…. Una trappola mortale ma, nel momento in cui sta per scattare, la realtà si capovolge, fatti e fantasie si mescolano e Linda non sa nemmeno più se l’uomo che ha di fronte è veramente il mostro che credeva… 

Finalmente un giallo che ti tiene incollata alle pagine! Ho divorato questo libro, ogni scusa era buona per cercare di leggere qualche pagina e sapere come proseguiva la storia. La scrittura è fluida ma elegante, l’idea di fondo è geniale e l’intreccio è coinvolgente. Il personaggio di Linda è molto ben tratteggiato e quasi sempre credibile, inoltre lo scavo psicologico è interessantissimo: l’autrice è molto brava a entrare nella mente della sua protagonista portando con sè anche il lettore. Bella l’idea di alternare i capitoli del libro a quelli del bestseller che Linda scrive per incastrare l’assassino della sorella: un libro nel libro, una scelta secondo me azzeccatissima. Calzante anche l’ambientazione: l’affascinante casa sulla collina, perfetta incarnazione della gabbia dorata da cui non puoi uscire se non cambiando qualcosa di te, il luogo ideato per tenere fuori il mondo reale, almeno finchè ciò sarà possibile…

In definitiva non posso che consigliare “La trappola” (e ringraziare tantissimo la casa editrice Corbaccio che mi ha permesso di leggerlo in ebook prima che arrivasse nelle librerie, il 10 settembre!): un giallo della mente, un thriller particolare, un raffinato gioco di incastri, di specchi e di capovolgimenti. Non dò il punteggio massimo solo perchè l’epilogo non è così “spiazzante” come promette la copertina ma questo non toglie assolutamente nulla a un libro che merita assolutamente di essere letto. 

AUDREY’S TIP: è il giallo perfetto per una domenica di pioggia a casa da soli, con una bella copertina e una tazza di tè nero al limone. E non permettete a nessuno di interrompervi…. lo odiereste! 😉