Olio Sagra Bassa Acidità: il mio segreto in cucina

Chi mi conosce lo sa: non sono una che cucina tutti i santi giorni, ma quando lo faccio mi piace porre attenzione alla qualità dei prodotti che utilizzo. E se ne trovo di particolare pregio, mi piace condividerlo con voi. È il caso per esempio del Bassa Acidità Sagra, un olio che recentemente ho avuto occasione di provare e che mi ha colpito.
Un prodotto di grande qualità, perfetto per ogni tipologia di piatto e di cottura e buonissimo a crudo con carne, pesce, insalate, bruschette…
Punta di diamante dell’offerta Sagra, questo olio ha l’aroma fragrante e tipico degli oli italiani, con in più la caratteristica della Bassa Acidità, indice di qualità e ricercatezza. Ma cosa vuol dire Bassa Acidità? Si tratta di uno dei parametri che indica la qualità del prodotto: in pratica, più basso è il suo valore, più alta è la qualità dell’olio. Un olio con una bassa Acidità è garanzia di olive sane e frante immediatamente dopo la raccolta – di solito entro 24 ore: questo è sinonimo di un processo produttivo curato e seguito con attenzione in tutte le sue fasi. E il gusto? Al palato il Bassa Acidità Sagra risulta morbido e vellutato, inizialmente dolce e con note amare e piccanti che si rivelano solo in seguito: un mix davvero riuscito per un prodotto super versatile!

Date un’occhiata al sito e ditemi che ne pensate!

#oliosagra #sagrailnostroolio #labassaaciditàèsagra #ad