Archivi Tag: instagram

INSTA OSLO

Oslo è stata una sorpresa. Mi aspettavo una città organizzata e moderna – come in effetti è – ma la immaginavo anche fredda e un po’ anonima. E invece… che rivelazione! Quindi, pur non essendo una delle prime capitali europee che consiglierei,  vi consiglio di darle almeno una chance. Troverete una città accogliente, sicura e organizzata. Cara, questo sì, ma con qualche accorgimento ce la si fa. Troverete anche una città cosmopolita: c’è gente con storie e provenienze diversissime. Sicuramente troverete una città efficiente – i trasporti pubblici sono fantastici! – e attenta alla cultura: ci sono eventi, concerti ed iniziative praticamente sempre. Troverete tanta street art, di quella proprio bella. Troverete un teatro dell’Opera che è un’icona – e sarà facile capire il motivo – e torte di alta pasticceria che riproducono i quadri di Munch. Troverete musei e gallerie d’arte e negozi di design. E di vinili. Ahhhh, i vinili di Oslo: stupefacente la varietà di musica che propongono. Da passarci la giornata (e in effetti l’abbiamo fatto!). Troverete un fiume che taglia la città e sulle sue rive localini bellissimi ricavati da strutture industriali in disuso. Troverete un porto moderno e tecnologico dove potrete mangiare del pesce buonissimo (senza farvi spennare, giuro: vi dirò poi dove!). Troverete musica, arte, locali dove i bambini colorano con le matite che trovano lì e gli adulti bevono un bicchiere in relax. Troverete un parco di sculture che è un enorme museo a cielo aperto. Troverete “L’Urlo” di Munch, e scusate se è poco. Ma soprattutto troverete un’energia incredibile, di quelle che ti fanno sentire al posto giusto al momento giusto. Che dite, vi ho convinto a dare una possibilità alla capitale norvegese? 😉 


oslo rooftoposlo flowers market

 


INSTA-PORTO: PRIME FOTO E SENSAZIONI


Porto è una scoperta. Dopo esser già stata in Portogallo nel 2009 e averla a malapena sfiorata, era un po’ che volevo visitare con calma questa affascinante città lungo il fiume. Un luogo magico: romantica e decadente, arroccata lungo ripide stradine di ciottoli, con le casette ricoperte di azulejos colorati e la vista sul fiume che ti appare appena giri un angolo in tutta la sua meraviglia. Perchè Porto è così: è un angolo che giri con noncuranza, senza grandi aspettative, ma poi rimani a bocca aperta. E’ uno scorcio che ti appare a sorpresa e ti fa battere più forte il cuore. E’ la casa alta e stretta ricoperta di piastrelle colorate che ti compare all’improvviso dopo aver imboccato un vicolo a caso. E’ la vista del fiume e dei tetti rossi che ti ricompensano dell’ennesima, faticosa salita. E’ la Ribeira, il quartiere più colorato che risale addirittura al Medioevo, in cui il cielo blu spunta a sorpresa tra i vicoli stretti e le piazzette nascoste. E’ il Mercado do Bolhao, con i suoi colori e i suoi odori racchiusi in un edificio liberty. E’ il famoso ponte di ferro che attraversa il fiume e regala una vista spettacolare sul tramonto. E’ la zona delle cantine, dove i pomeriggi scorrono lentamente e le ore sono scandite dal numero dei bicchierini di Porto e dai brindisi che promettono delle buone vacanze. E’ il profumo del baccalà fritto che assaggi in localini che sembra di mangiare in famiglia. E’ il romanticismo e la malinconia fuse assieme, di quelli che ti viene voglia di piangere e poi di ridere e poi di piangere. E’ bella Porto, ti conquista in punta di piedi e ti avvolge come un abbraccio un po’ struggente, di quelli che la fine dell’estate forse è vicina ma no, stasera non ci pensiamo. 

   

COSA VEDERE A NAPOLI IN 2 GIORNI

Chi di voi segue i miei social lo sa già: un paio di settimane fa, grazie ad ottima offerta di Italo, sono riuscita a regalarmi un paio di giorni a Napoli. Ci sono già stata diverse volte ma mi affascina sempre: lo trovo un posto molto autentico, pur con tutte le sue contraddizioni. Quindi ho deciso di proporre anche a voi il mio itinerario di 2 giorni: voi pensate a trovare una bella offerta, del resto me ne occupo io!

GIORNO 1
LUNGOMARE, MASCHIO ANGIOINO E CASTEL DELL’OVO


Arrivando in treno, il vantaggio è che sì è già in pieno centro. Quindi perché non regalarsi una bella colazione a base di sfogliatelle proprio sul lungomare, con vista Vesuvio? Potete arrivarci a piedi oppure fare un paio di fermate con la metro: scendete al Maschio Angioino e poi passeggiate sul lungomare verso il centro della città: dopo circa 10 minuti, vi troverete davanti il Borgo Marinaro con le sue barchette di pescatori, i suoi ristoranti vista mare e il Castel dell’Ovo, che potete visitare gratuitamente. Non lontano da qui potete sbirciare anche Piazza del Plebiscito.

GITA A PROCIDA


Dal Molo Beverello (zona Maschio Angioino) partono gli aliscafi per Ischia e Procida. Io ho scelto di visitare solo Procida perché Ischia la conoscevo già e volevo dedicare più tempo a qualcosa di nuovo ma voi potete anche organizzarvi per vederle entrambe. I traghetti partono 4 volte al giorno in questo periodo (più frequentemente in estate) e si arriva a Procida in circa 40 minuti. E, credetemi, ne vale proprio la pena! Troverete un borgo di pescatori con le casette colorate, pochi turisti, barchette azzurre e tanto silenzio: una vera oasi di pace.
Una volta rientrati a Napoli – ma non c’è certo bisogno che ve lo dica io – concedetevi una bella pizza per cena! Provate Starita, via Materdei 28: oltre 60 pizze diverse e sulle pareti le posate usate da Sophia Loren ne L’oro di Napoli, il tutto a prezzi abbordabilissimi!

GIORNO 2
METROPOLITANA E FERMATA TOLEDO


Iniziate l’esplorazione del secondo giorno proprio dalla metropolitana: a Napoli è una struttura immensa, che scende di parecchi piani sottoterra e ha diverse fermate che sono vere e proprie opere d’arte. Una per tutte? La famosissima fermata “stellare” Toledo!

QUARTIERI SPAGNOLI E CHIOSTRO DI SANTA CHIARA


Una volta che avete fotografato la fermata Toledo, percorrete l’omonima via e date un’occhiata a questa zona molto caratteristica, ai Quartieri Spagnoli con i loro vicoli stretti e i panni stesi tra le case ad asciugare, alle viuzze caratteristiche e infine ai negozietti più particolari. Poi girate su via Capitelli e andate alla scoperta del magnifico Chiostro di Santa Chiara, con le sue maioliche smaltate, il giardino che è una vera oasi di tranquillità e il museo ricco di storia.

SPACCANAPOLI E SAN GREGORIO ARMENO


Una volta usciti dal Chiostro, vi ritroverete su Spaccanapoli, la famosa viuzza che taglia a metà la città. Percorretela respirandone la sua autenticità – e magari assaggiate qualcuna delle delizie di street food che vendono qui! Girate su via San Gregorio Armeno per vedere i famosi presepi e le statue – anche a grandezza naturale! – di calciatori e politici e poi tornate indietro verso Piazza Dante. Lungo la strada trovate anche la Cappella Sansevero e il prestigioso Cristo Velato, ma qui vi consiglio di prenotare in anticipo per evitare lunghe code.

CASTEL SANT’ELMO


Da Piazza Dante prendete la metro fino a Montesanto, poi salite sulla funicolare e raggiungete la cima della collina: da qui in pochi passi a piedi siete all’ingresso di Castel Sant’Elmo: visitate le sue belle mostre dedicate al ‘900, le zone accessibili e soprattutto salite sulle mura per una vista pazzesca a 360 gradi su tutta la città: un modo davvero spettacolare per salutare Napoli prima di dirigervi in stazione per prendere il treno che vi riporterà a casa!

ORGANIZZAZIONE PRATICA DEL VIAGGIO:

con Italo ci sono spesso delle belle offerte, io ho speso pochissimo pur prendendo i biglietti solo qualche giorno prima! Tra l’altro è molto carino anche l’ItaloBlog, ricco di consigli sulle mete italiane che si possono raggiungere con i loro treni ad alta velocità. Per esempio, per il capoluogo partenopeo si parla di cosa visitare a Napoli Sotterranea, un giro nel cuore più profondo della città, altra esperienza che raccomando caldamente! E non perdetevi queste preziose indicazioni su cosa non può mancare per un perfetto viaggio in treno:

Una volta a Napoli, tenete conto che la città è grande ma con i mezzi si arriva praticamente ovunque. Se prevedete di usarne parecchi fate il biglietto giornaliero che con 4,50 euro vi garantisce l’accesso a tutti i mezzi di terra, funicolare compresa.
Infine, per dormire, scegliete un hotel in centro in modo da essere vicini alla stazione e a tutti i mezzi pubblici, mettete in conto circa 50/60 euro per un 3 stelle dignitoso e pulito. Il mio ahimè non era molto pulito quindi per stavolta l’albergo non ve lo consiglio 😉 

#HAPPYBIRTHDAYINMOROCCO

Breve storia felice. Questo compleanno e’ arrivato veloce come un treno, credevo che al raggiungimento di questa età avrei raggiunto nel frattempo anche tanti altri traguardi che invece non sono arrivati. Traguardi che ho cercato, e altri che la società ha imposto per me. Cose che avrei voluto avere, lavori che avrei voluto fare, storie che sarebbero potute andare diversamente. Ma così è la vita. E finalmente l’ho imparato. A modo mio. E un po’ di questa nuova consapevolezza me la sono regalata per il compleanno. 4 anni fa probabilmente l’avrei trascorso in camera a compiangermi e a pensare a quello che volevo ma non avevo. Quest’anno invece ho preso lo zaino e sono andata a vedere uno dei posti che mi interessavano di più al mondo. Perché a volte i luoghi comuni si rivelano grandi verità: non è importante se nella tua vita piove spesso, tu impara a ballare sotto la pioggia ❤️ #happybirthdayinmorocco

E così, complici un compleanno, un’amica, un volo a 40 euro e la voglia di un ritorno di quelli magici, sono volata in Marocco per la seconda volta. 4 giorni tra Fes e Chefchaouen, tra la medina più antica e trafficata del Paese e quella più azzurra di sempre. Qualcosa di già visto da approfondire e qualcosa di nuovo da esplorare. Macchina fotografica sempre in mano e occhi bene aperti per non perdere nessun dettaglio. E per la seconda volta mi è venuto il “Mal du Maroc”. Lo capisci subito, se ti viene: è quel groppo in gola che ti prende appena sali sull’aereo, perché sai che di questa terra colorata, rumorosa, polverosa e sorridente ti mancheranno un sacco di cose. Mancherà il sapore del tè alla menta, il profumo delle spezie al mercato, il gusto della pasta di mandorle che si scioglie in bocca, l’azzurro della Medina di Chefchaouen, il giallo e il blu di Fes, il nonnino con la stampella che ci ha salvate quando ci siamo perse nei vicoli, il driver che si è vestito elegante solo per noi, i ”welcome to Morocco”, le colazioni in terrazza sotto a un cielo senza nuvole, i bambini che ti davano il ‘5’ e pure le contrattazioni allo sfinimento nei negozietti. Perché il Marocco è così, ti entra sotto la pelle e dentro al cuore e magari quando sei lì neppure te ne accorgi, ma poi quando ti mettono il timbro di uscita sul passaporto ti volti indietro un attimo e sai che ne sentirai tantissimo la mancanza. 

UNA SETTIMANA IN IRAN: ITINERARIO E MINIGUIDA PER ORGANIZZARE DA SOLI IL VIAGGIO

La cosa più difficile che vi capiterà durante l’organizzazione di un viaggio in Iran? Rispondere alle millemila domande di tutti quelli che vi dirannoIn Iran? Perché? Ma è pericoloso!”. Non scherzo. Ho passato circa tre mesi a dare spiegazioni, poi ho iniziato a dire che andavo in Persia e a ricevere soprattutto sguardi smarriti. Poi ho smesso di dirlo e ho rimandato le considerazioni al ritorno. A parte tutto, la preoccupazione è legittima ma basta informarsi un minimo per capire che, seppur circondato da paesi effettivamente pericolosi, l’Iran è una terra tranquillissima con un popolo splendido che non aspira altro che alla pace. E organizzare da soli un viaggio in Iran è davvero semplice, a patto di avere qualche informazione di base che chi ci è già stato potrà fornirvi facilmente. Io ci provo con questo post, dove ho raccolto un po’ tutto quello che avrei voluto leggere io in fase di organizzazione per risparmiarmi qualche attimo di leggero panico. Quindi, se deciderete di visitare questo splendido paese, non abbiate paura di attentati o terroristi ma leggetevi la mia miniguida e poi mettetevi comodi e godetevi il viaggio. Probabilmente sarà uno dei più belli della vostra vita.

ITINERARIO:

Day 1 – Torino –> Roma –> Teheran

Day 2 – Teheran –> notte in bus

Day 3 – Shiraz

Day 4 – Persepoli, tombe rupestri di Naqsh-e Rostam e Pasargade

Day 5 – Yazd

Day 6 – Yazd – Esfahan

Day 7 – Esfahan

Day 8 – Teheran –> Roma –> Torino

Io avevo pochissimo giorni quindi ho visto davvero poco rispetto a quello che questo paese offre, ma sono riuscita comunque a toccare i luoghi che rientrano negli itinerari classici per chi vuole avere un primo assaggio di Iran. Ovvio che toccherà tornare.

IL VISTO:

su questo argomento ne leggerete di ogni. Compreso sulla Lonely Planet. E vi spaventerete. Vi parleranno di gente rispedita indietro, di attese di ore e di alcuna garanzia di ottenere il fatidico adesivo. In realtà è tutto molto più semplice di quello che sembra ma nessuno ve lo dice! Se iniziate a muovervi con sufficiente anticipo, potete fare tutto in autonomia presso l’Ambasciata (io sono andata a quella di Milano, in Via Monte Bianco 59). Arrivate, prendete il numero e quando tocca a voi consegnate passaporto, 2 fototessere, form compilato e firmato (si scarica sul sito o si prende in loco sul momento), certificato di assicurazione di viaggio (io ne ho fatta una economica online) e la stampata della mail con i voli e la prenotazione dell’hotel per la prima notte. Vi faranno rilasciare le impronte di tutte e 10 le dita delle mani e vi daranno un foglietto con cui ritirare il passaporto vistato nel giro di 1-2 settimane. Costo 50 euro. Se come me arrivate sotto data e siete nel panico (l’Ambasciata spesso non risponde al telefono) potete decidere di investire qualche euro in più per affidarvi ad un’agenzia visti che segua la pratica al vostro posto e vi spedisca il passaporto direttamente a casa a cose fatte. Io mi sono trovata benissimo con l’economica e competente VisaeTravel. Questo tipo di visto dura 3 mesi. AVVERTENZA: le impronte vanno comunque lasciate personalmente in consolato, dopodiché vi daranno un foglio con cui andare in agenzia. In realtà esiste anche una terza opzione ed è quella per i più coraggiosi 😉 ovvero chiedere un visto di 15 giorni direttamente all’arrivo. Durante il viaggio ho parlato con diverse persone e tutte mi hanno detto di non avere avuto problemi anche se in effetti le attese vanno in media dalle 2 alle 4 ore e si spende circa 85 USD. Questo non vuol dire che la garanzia di entrare ci sia al 100% ma sicuramente stanno lavorando molto perché il turismo aumenti e per farvi ricacciare indietro dovreste essere proprio sfigati 😉

NB: non andate in panico – come la sottoscritta – se leggete da qualche parte che è necessario un numero di autorizzazione e/o una lettera d’invito da un iraniano. Per chi fa le pratiche in Italia NON è più così – per fortuna!

NB: ultimamente ho sentito anche di persone che hanno gestito la trafila online tramite l’application form, in caso leggete qui. E ricordate che queste regole sono in continuo cambiamento quindi verificate sempre eventuali aggiornamenti. Ovviamente se io ne avrò conoscenza modificherò il post. 

QUESTIONE DI SOLDI:

in Iran a causa dell’embargo americano le carte di credito non funzionano; è quindi necessario partire con il contante che prevederete di utilizzare e qualcosa in più per le emergenze. Potete portare sia euro che dollari e non avrete nessun problema a cambiarli o, in alcuni casi (tipo in hotel), a utilizzarli direttamente per pagare. A differenza di quanto dice la guida, il cambio più vantaggioso l’ho trovato proprio in aeroporto. Il costo della vita non è alto, in 2 con 10 euro abbiamo fatto cene seduti più che accettabili (con 20/25 euro anche cene di lusso), lo Street food ovviamente costa ancora meno. I taxi costano 2-3 euro a corsa, mentre gli ingressi sono tutti standardizzati: dai 100mila ai 200mila rials in base ai siti. Il rial è la loro moneta ufficiale, per intenderci 100mila rials sono circa 2 euro e 50. Per complicarvi la vita, spesso vi diranno i prezzi in toman (ovvero, senza uno zero. 10mila toman = 100mila rials. Semplice no? Tranquilli, quando vi abituerete sarà probabilmente ora di tornare a casa 😉 )

MANCIA: non si usa più di tanto, anzi, ma se la lasciate è una sorpresa sempre molto gradita e vi ricompenseranno con grossi sorrisi!

CONTRATTARE, a mio parere, non è necessario più di tanto. Non si tratta di una pratica tradizionale come in gran parte dell’Oriente, quindi non è necessario farlo; inoltre i prezzi per noi sono già molto abbordabili così. Potete provare a tirare un po’ sul prezzo degli hotel se li cercate in loco o sui trasporti privati tipo taxi e auto ma il risparmio sarà sempre contenuto. Stessa cosa nei bazar: alcuni venditori scendono di parecchio se trattate, ma la maggior parte di loro, se non accettate il primo prezzo, vi lascia tranquillamente andar via. Una novità per chi è abituato a paesi tipo il Marocco o la Turchia 😉

PS. a proposito di taxi, auto private e gite: stabilite SEMPRE prima di salire il prezzo finale.

ABBIGLIAMENTO: 

dipende dalla stagione in cui andate, ma la regola per le donne è dissimulare le forme e coprire il capo. Pantaloni comodi con sopra una maglia lunga o uno chemisier vanno benissimo, mentre per la testa è sufficiente uno scialle o un foulard. Io mi sono fatta mille scrupoli perché non volevo mancare di rispetto ma poi non ho avuto nessun problema con una tuta da viaggio o un pantalone comodo con sopra un abitino invernale lungo alla coscia o un maglioncino e un maxi cardigan. Piuttosto mettetevi scarpe comode perché tra entrare nelle moschee e sedervi a mangiare sulle sedute tradizionali (tipo divani letto) dovrete sfilarvele spesso. Io con le All Star non ho avuto mezzo problema, anzi essendo rosa ho notato che piacevano a parecchie ragazze del posto!

COME MUOVERSI NEL PAESE:

le distanze tra i siti di maggior attrazione turistica sono piuttosto lunghe ma esistono autobus VIP che coprono tutte le tratte tra una città e l’altra più volte al giorno per un pugno di dollari. Sedute comodissime con tanto di poggiapiedi, autisti esperti e limiti di velocità severissimi li rendono viaggi tranquilli e sicuri. Esistono diverse compagnie, io ne ho provate 3 (scegliendo abbastanza a caso!) e non ho notato grosse differenze a discapito dell’una o dell’altra, e tutte davano bibite e merendine omaggio buonissime! La tratta più lunga, Teheran – Shiraz, è di 900 km e ci vogliono tra le 12 e le 14 ore. Superato questo, tutti gli altri viaggi sono moooolto più brevi! E comunque se non volete affrontare l’esperienza della mega traversata notturna in bus c’è sempre il volo interno (circa 50 euro in media), ma la vita d’autobus va provata almeno una  volta! I biglietti si comprano in loco, nelle agenzie di viaggio locali – che nei luoghi famosi non avrete problemi a trovare – oppure direttamente tramite gli hotel o ancora alla stazione dei bus direttamente. In alcuni casi può convenire prenotare un’auto privata, per esempio noi l’abbiamo fatto per andare a Persepoli e Pasargade in modo da muoverci con i nostri tempi. Lo stesso autista ci ha poi accompagnato fino a Yazd, direttamente di fronte al nostro hotel. Purtroppo in pochi parlano inglese ma ci siamo capiti con molti sorrisi e dividendo tanti spuntini lungo tutto il tragitto!

DOVE DORMIRE:

le strutture alberghiere sono mediamente buone e assolutamente pulite. Quando pubblicherò il diario di viaggio zona per zona vi indicherò per ogni località dove ho dormito io con tanto di prezzo e recensione, ma in linea generale ecco qualche consiglio utile:

  • per quanto riguarda la questione hotel, la Lonely Planet è abbastanza precisa. Ne ho scelti alcuni recensiti da loro e non ho avuto sorprese
  • se potete, scegliete gli hotel tradizionali per soggiornare in edifici caratteristici dove anche l’ospitalità sarà particolarmente improntata a farvi vivere una vera e propria esperienza
  • se scrivete ad un hotel dall’Italia e per giorni non avrete risposte (o peggio, le avrete in farsi), non disperate. Prima o poi rispondono. In inglese
  • per quanto riguarda i prezzi, la media in periodi non particolarmente di punta è di 50 USD per una doppia con bagno privato, ma potete provare (soprattutto se prenotate in loco) a contrattare un po’. Se hanno camere vuote al momento, potete arrivare fino a 35 USD per la stessa doppia.
  • in linea generale, ostelli e hotel sono di norma nella stessa struttura. Quindi capiterà che l’hotel in cui volete prenotare abbia sia camerate, sia singole senza bagno sia doppie con bagno, ovviamente con le dovute differenze di prezzo. A voi la scelta
  • In tutti gli hotel, anche il meno “bello” di tutto il viaggio, ho trovato la colazione inclusa e le ciabattine per il bagno (ve lo dico perché a saperlo evitavo di portare le mie dall’Italia e risparmiavo spazio in valigia)
  • vi verrà detto che c’è il wi-fi, e non è assolutamente una bugia, ma a volte nelle camere più lontane dalla reception… semplicemente non funziona. Nelle hall invece non ho mai avuto problemi, anche se spesso devo ammettere che riuscivo a caricare foto ma non video (per esempio con Instagram Stories non riuscivo spesso). Alcuni siti tipo facebook sono oscurati, si aggira facilmente il divieto con una vpn, io ho scaricato VyprVPN e ho scelto l’opzione per 3 devices a 14,99 euro/mese (a vostra scelta se poi rinnovarla oppure no)

ULTIMO CONSIGLIO PRATICO: comprate una sim iraniana. Potete farlo subito in aeroporto, ma in caso troverete ovunque banchetti che le vendono e oltre ad essere comoda per la navigazione internet vi servirà per farvi chiamare da tassisti, autisti e guide con cui avrete a che fare magari più di una volta. Per loro chiamarvi sul numero italiano è carissimo. 

Mi sembra di aver risposto a tutte le domande che ho ricevuto da quando sono tornata, ma se avete altri dubbi o curiosità non esitate a scrivermi! Mi trovate a info@audreyinwonderland.it oppure sulla mia pagina Facebook: vi aspetto!

Se invece non avete in programma un viaggio in Iran, perdonate il post molto tecnico: mi farò perdonare con il diario di viaggio, con tante foto inedite e tante emozioni in più!

Instagram

  • Autumn vibes latergram di una domenica in campagna per ihellip
  • A spasso per la citt vecchia con il naso allinshellip
  • Passeggiata a Stoccolma  meatballsforbreakfast stoccolma stockholm stockholmstreetart stockholmstreetstyle hellip
  • E ricordati punta sempre al sole anche quando ti sembrahellip
  • Royal clich meatballsforbreakfast stoccolma stockholmstreetart stockholm stockholmart stockholm crownroyal crownstreet
  • Domenica mattina a Stoccolma  quanto sono belle le casettehellip
  • Rainbow  meatballsforbreakfast tunnelbana underground rainbowwall rainbowcolors stoccolma stockholm metropolitana
  • A Stoccolma Halloween  una cosa seria halloween halloweenfun ghostlifestylehellip
  • Room with a view  cameraconvista fotografiskamuseet fotografiska stoccolma stockholmhellip

Archivi

  • 2017 (58)
  • 2016 (68)
  • 2015 (79)
  • 2014 (99)
  • 2013 (108)
  • 2012 (168)
  • 2011 (156)