Archivi Tag: travel

VIAGGIARE E’ IL MIO PECCATO – SUMMER EDITION part.1

Credo che il mio amore per la lettura vada di pari passo con quello per i viaggi. Perchè per me ogni nuovo libro è, a suo modo, un nuovo viaggio. E non è facile retorica, perchè io adoro i viaggi veri e se non parto almeno una volta ogni due mesi sto male, però sono convinta che anche i libri, a modo loro, ci permettano di viaggiare tantissimo. Riprendo quindi in mano con molto entusiasmo questa rubrica inaugurata tempo fa – VIAGGIARE E’ IL MIO PECCATO – e ne faccio un appuntamento estivo con i libri da “viaggio in poltrona”, ovvero vi proporrò romanzi provenienti dalla mia biblioteca personale in cui i luoghi dove avvengono le storie dei protagonisti non sono solo semplici location ma veri e propri personaggi del racconto. Pronti a partire con me? 

Con Il cantastorie di Marrakech voliamo in MAROCCO, paese suggestivo e vibrante di colori, suoni e odori. Qui, nella piazza principale di Marrakech, incontriamo Hassan, un cantastorie che racconta spesso la vicenda di una coppia di stranieri svaniti nel nulla una sera di qualche anno prima. Tutti nella Jemaa el-Fnaa avevano notato quella giovane americana, luminosa e bellissima, accompagnata da quell’indiano enigmatico, tutti ne erano rimasti come ipnotizzati, e ora sembra di vederli di nuovo apparire e scomparire tra i vicoli della medina, evocati in lampi di immagini e ricordi. Perché ognuno ha un suo tassello da aggiungere alla storia che Hassan sta cercando di ricostruire nel tentativo di svelare il mistero di quell’inspiegabile scomparsa, per la quale è stato accusato il fratello Mustafa… 

In Asiatici ricchi da pazzi accompagniamo la newyorkese Rachel Chu a SINGAPORE a conoscere la famiglia del fidanzato Nicholas Young, con la scusa di accompagnarlo a un matrimonio.  Ma Rachel certo non si immaginava che Nick fosse lo scapolo d’oro del mondo asiatico, con una casa che sembra un castello e l’abitudine a viaggiare in jet privato invece che in metro. E invece è proprio così, e si ritrova a partecipare al matrimonio dell’anno, che si rivela un evento senza precedenti, con il Cirque du Soleil e i Piccoli cantori di Vienna ad aprire le danze, abiti disegnati ad hoc da Valentino e una silenziosa gara a chi è il più ricco fatta a suon di regali di nozze che nessuno in Occidente potrebbe mai permettersi…  Ma lei sarà all’altezza dell’uomo più ricco di tutta l’Asia? E la sua famiglia sarà d’accordo? PS: occhio che se questo libro vi piace il 18 luglio esce il seguito!

Destinazione: THAILANDIA! Questa volta si parte con Georgia Green, appena lasciata dal fidanzato ad un passo dalle nozze. Ma attenzione, nonostante la voglia di girare il mondo, Georgia non ha mai fatto un vero e proprio viaggio, anzi… è abbastanza inesperta! L’impatto con Bangkok, tra sistemazioni scadenti, compagni di viaggio stravaganti ed esperienze estreme, non è tra i più facili. E nonostante lei stia provando in ogni modo a mettersi in gioco, non si è mai sentita così sola. Ma quando raggiunge l’isola incantevole su cui si trova il Blue Butterfly Huts tutto cambia… Io adoro Bangkok e mi diverto sempre a tornarci, anche se solo virtualmente!

Avete presente Carrie Bradshaw? Ecco, Bernadette è la sua versione 3.0, una giornalista che si muove in una NEW YORK patinata, glamour e affascinante ma che in fondo, nonostante “il cinismo sia il nuovo nero”, è in cerca dell’amore proprio come tutte noi… La trovate in L’amore non è un gioco per ragazze perbene, e vi divertirete parecchio. Proprio come durante una vacanza a New York.

In questo libro bellissimo seguiamo Julia a Kalaw, un villaggio della BIRMANIA (attuale MYANMAR), in cerca del padre scomparso nel nulla molti anni prima. In mano, solo una lettera ritrovata per caso in soffitta, in cui il padre dichiara il suo amore per una donna birmana. Impossibile non partire per saperne di più. Ma attenzione, non è un giallo, bensì un romanzo molto delicato sui sentimenti. Una storia fatta di destini segnati dalla stelle, di misteri, di saggezza buddista, di amori sconfinati. L’arte di ascoltare i battiti del cuore è un libro imperdibile. E la Birmania è una terra stupenda. 

Un caso di poca importanza, che la polizia archivia come morte accidentale. Poi una donna che sparisce nel nulla dopo aver trascorso la serata in un locale del centro. Un anno dopo, Erlendur, poliziotto alle prime armi assegnato al turno di notte della stradale, passa lunghe ore a pattugliare le vie di una città deserta e si convince che i due casi siano stati frettolosamente liquidati dai colleghi. L’inesperta matricola inizia così la sua prima indagine, ritrovandosi a scavare nei diversi ambienti della moderna REYKJAVIK, città bellissima e coloratissima ma allo stesso tempo custode di ipocrisie e lati oscuri…. Attenzione, perchè Le notti di Reykjavik dà dipendenza (per fortuna fa parte di una serie!!). 

 

E voi, state facendo qualche viaggio reale o virtuale in questo periodo? Raccontatemi!

E a prestissimo con una nuova puntata con tante altre mete!

PS: foto, libri e souvenir sono tutti della sottoscritta 😉 

DON’T BE LATE FOR DINNER! – PROCIDA

Raccontare Procida non è facile. Nonostante sia bellissima. Trovare delle parole capaci di restituire la sua bellezza calda, pura, autentica, non è facile. Se ci siete stati, forse potete capirmi. Se non ci siete mai stati, immaginate la tavolozza di un pittore, una tavolozza fatta solo di colori pastello. Colori discreti, morbidi, in grado di riflettere la luce senza intrappolarla. Verde menta, rosa confetto, giallo limone, arancio albicocca. Questa è Procida, l’isola di pescatori a pochi chilometri da Napoli che appena ci ho messo piede è diventata uno dei miei luoghi del cuore. E dell’anima. Perchè qui l’anima trova pace, riposo e ristoro come raramente accade altrove. Qui, tra i vicoli in salita, le barchette azzurre dei pescatori, i gatti rossi che fanno la siesta, le reti da pesca, le granite al limone consumate con le gambe a penzoloni nell’acqua e il profumo di pesce fresco appena fritto. Le poesie della locanda de “Il postino“, il belvedere con una vista che ti toglie il fiato e l’ape cross che risale per i vicoli per portare frutta e verdura profumate. Il vento che scompiglia i capelli, il rumore della risacca e attorno solo il silenzio. I panni stesi al sole ad asciugare e le porticine colorate. La signora anziana a cui chiediamo un’indicazione che ci dice “io non son mica di qua, sapete. Nuuuu, io sso sarda, ma mica della costa, no no. Però che ne sacciu, ho sposato mio marito che ra di qui e qui sono venuta a stare. E sapete che c’è? Che qui non ci si sta mica tanto male“. E, chissà perchè, non facciamo nessuna fatica a crederle. 

CARNET DE VOYAGE:

a Procida si arriva in barca. Da Napoli, potete scegliere l’aliscafo o il traghetto, io ho preso il primo dal molo Beverello e ci ho messo circa 40 minuti (costo 27 euro ca. a/r). Una volta sull’isola, ci si muove a piedi. Sbarcherete a Marina Grande, qui segnatevi questo indirizzo: Bar Cavaliere (via Roma 42), ovvero la migliore pasticceria dell’isola. Assaggiate qualche specialità locale e poi raggiungete con una camminata a piedi Marina di Corricella per pranzare sul lungomare con una delle famose insalate di limoni e salite sul belvedere (seguite le indicazioni per l’Abbazia di San Michele Arcangelo) per un colpo d’occhio mozzafiato. Se volete fare il giro dell’isola per vederla dal mare, al porto – o in uno dei bar della zona – chiedete di Cesare: sarà felicissimo di portarvi alla scoperta dei migliori panorami con una delle sue barchette colorate. 

COME RISPARMIARE PER LE VACANZE (E ANCHE DOPO!)

Spesso qui sul blog o sulla pagina facebook mi viene chiesto come faccio a poter viaggiare così spesso e a risparmiare per le vacanze, considerando che pago di tasca mia tutti i miei viaggi, non vivo più da anni con i miei e non sono certo Paris Hilton, anzi ho un conto in banca sempre abbastanza sull’orlo del collasso 😉 Ho deciso quindi di riunire in un unico post le strategie e i trucchetti che metto in atto io per riuscire a partire abbastanza spesso, piccoli accorgimenti che vi consentono di risparmiare qualcosina in vista di un viaggio ma anche di altro ovviamente: un concerto della vostra band preferita, l’ultima it bag, quel mascara supergriffato che costa una mezza fortuna.

1. FOOD e NIGHTLIFE: in questo settore per anni ho speso moltissimo, pranzavo al bar in pausa ed ero fuori quasi tutte le sere. Adesso a pranzo mi preparo un panino oppure invece del bar bazzico il supermercato di quartiere per yogurt, te freddo e anche sandwich fatti al momento che costano 1/3 rispetto a quelli del bar. La sera, invece delle cene fuori, prediligo gli apericena più abbondanti (max 10 euro mangi e bevi) oppure invito la gente a casa, preparo io gli stuzzichini e ognuno porta qualcosa da condividere. Per il cinema, con la tessera Aiace spendo la metà, oppure vado nel giorno che costa meno (a Torino il mercoledì) e con 8 euro invece di un solo film ne vedo 2 nella stessa sera!

2. LIBRI E RIVISTE: nella biblioteche più fornite trovate sia i best seller freschi di stampa che le riviste più famose, il tutto a costo zero. Inoltre gli ebook possono essere un’ancora di salvezza: costano la metà del cartaceo e non ingombrano. Non disdegnate neppure le bancarelle dell’usato: si fanno grandissimi affari!

3. FASHION: oltre a frequentare i negozi low cost, per rinnovare un po’ il guardaroba a costo zero potete organizzare uno swap party con le amiche oppure frugare nell’armadio di mamme e zie e in cerca di qualche chicca vintage. Inoltre, nei suddetti negozi, fate sempre la tessera fedeltà gratuita per accedere a sconti, promozioni, pensierini di compleanno e inviti ad eventi.

4. BEAUTY: i campioncini sono la vostra salvezza. Fatene incetta quando comprate un prodotto per voi irrinunciabile. Inoltre in molte catene di grande distribuzione trucchi e shampoo sono di ottime marche ma costano la metà. Anche qui le tessere fedeltà sono utilissime per accedere a promo speciali.

5. TRAVEL: iscrivetevi a tutte le newsletter possibili immaginabili, monitorate le offerte dei vettori low cost e bazzicate pagine tipo “pirati in viaggio” per non perdervi neppure uno sconto. Una volta comprato il biglietto (al miglior prezzo!), in viaggio vivete come un local invece che come un turista: scommettiamo che spendete la metà?

6. EXTRA BONUS: prendetevi cura delle vostre finanze. Che non vuol solo dire che se una sera non uscite potete mettere nel salvadanaio i soldini che avreste speso, ma a volte vuol dire anche affidarsi ai professionisti del settore. I CAF per esempio: sono centri di assistenza fiscale a cui ci si può rivolgere per qualsiasi problema inerente il fisco, come la dichiarazione dei redditi ma non solo. Il CAF è un ottimo riferimento anche per chiedere tutte le informazioni utili per ottenere le agevolazioni fiscali a cui abbiamo diritto, che spesso non sono molto chiare quando invece sarebbero ottime opportunità di risparmio, specie in un ambito tanto complesso come quello economico e fiscale in cui senza un valido aiuto si brancola nel buio! Le sedi ci sono in tutte le grandi città, io a Torino mi affido alla società ACLI TORINO SERVICE che lavora in nome e per conto di CAF ACLI. Ho trovato personale esperto e qualificato a cui in questo periodo ho chiesto una mano per la dichiarazione dei redditi ma anche chiarimenti su tutte le opportunità per fruire al meglio delle agevolazioni fiscali che mi spettano per esempio perché non vivo più con i miei. Prenotarsi è stato semplicissimo: sul sito, grazie al servizio online mycaf si può ottenere l’appuntamento con pochi click, selezionando servizio, sede e orario più comodo. Tra l’altro mi hanno detto che se mai avessi fatto errori nella compilazione del 730, passando tramite loro si assumono anche ogni responsabilità al posto mio: un sogno per me che nelle questioni burocratiche spesso mi perdo! E grazie al loro supporto ho scoperto anche che mi spetta qualche soldino di rimborso: un’altra bella fetta del mio prossimo viaggio è arrivata senza neppure accorgermene!

E voi che strategie mettete in atto per risparmiare un po’? 

Buzzoole

PROPOSTA ITINERARIO: CROAZIA ON THE ROAD

L’estate sta arrivando e – come la sottoscritta – siete ancora indecisi sulla meta delle vacanze? Vorreste fare un viaggio ma i prezzi dei voli sono già alle stelle? Cercate una meta estiva che riunisca in un colpo solo mare, cultura e buon cibo? Se avete risposto sì ad almeno una di queste domande, io vi propongo la Croazia. Ci sono stata due volte, la prima solo in Istria, la seconda facendo un bellissimo “on the road” di cui vi riporto le mete più belle:

– Arrivo a Dubrovnik in traghetto

– 2 gg in città e dintorni

– 3 gg sulla riviera di Makarska, uno dei pochi posti della Croazia dove ci sono spiagge di sabbia

– Spalato

– Tappa a Trogir e Primosten

– Zara

– Deviazione verso l’interno per visitare i laghi di Plitvice

– Direzione Zagabria con tappa a piacere per dormire lungo il percorso

Se avete ancora tempo da Zagabria potete dirigervi in Istria e visitare alcuni dei suoi luoghi più suggestivi, come Rovigno e Pula. Qui il mare è principalmente di scoglio ma girando un po’ si trova anche qualche bella spiaggetta. 

CROAZIA ON THE ROAD – COSE DA NON PERDERE:

A Dubrovnik, la città vecchia – Patrimonio dell’Umanità – è imperdibile. Fate il giro sulle mura per osservare dall’alto i suoi tetti rossi e poi scendete e perdetevi tra i vicoli. Per mangiare, fuori dalle mura troverete locali carinissimi che costano la metà di quelli all’interno. Dopo pranzo oppure al tramonto guidate come se voleste uscire dalla città e dirigetevi verso sud per regalarvi una vista mozzafiato da uno dei belvedere lungo la strada.

 A Spalato, visitate il Palazzo di Diocleziano, poi salite ai giardini Marjan per un colpo d’occhio della città dall’alto e infine riprendetevi con un aperitivo in uno dei localini affacciati sul porticciolo.

A Zara, vi basta fare una passeggiata nel suggestivo centro storico per imbattervi nelle sue numerose chiese e nei resti del passato romano, bizantino e veneziano. Date un’occhiata anche all’Organo Marino: lo trovate verso il porto ed è molto particolare perché qui è il mare che… suona una melodia!

Per visitare il Parco di Plitvice prendetevi un giorno intero: la levataccia per arrivare in tempo per l’apertura dei cancelli sarà ampiamente ripagata dalla bellezza di questo luogo ricco di cascate, laghi, fiumi e natura rigogliosa.

Zagabria infine è una capitale molto vivace, con dei bei caffè in cui sedersi per osservare la vita della città sorseggiando un buon bicchiere di vino. Prendete la funicolare per salire alla Città Alta (la zona vecchia) e tenetevi almeno un giorno extra per visitare qualcuno dei validi musei di questa capitale ricca di storia e cultura. Consigliata la Zagreb Card per accedere ai mezzi pubblici e pagare la metà gli ingressi alle attrazioni.

COME ARRIVARE E DOVE DORMIRE:

Al momento i prezzi dei voli sono già alle stelle, essendo la Croazia una meta gettonata per l’estate. Io vi consiglio il traghetto, così potete arrivare in auto ed essere poi liberi di muovervi per esplorare il Paese a vostro piacere. Ho scovato un sito che, in base alla destinazione scelta, vi fa preventivi e confronti per trovare il traghetto più adatto alle vostre esigenze: date un’occhiata QUI

Per dormire, non avrete che l’imbarazzo della scelta. In molti infatti vi proporranno le loro case private a prezzi più che accettabili, basta essere in un punto turistico della città per incrociare “domanda e offerta” 😉 Molte case poi espongono il cartello “affittasi” e quindi vi basta fermarvi e contrattare il prezzo. Ovviamente potete anche prenotare un hotel dall’Italia, ma a me è piaciuta molto la formula del fermarsi di volta in volta dove ci piaceva, e abbiamo anche conosciuto persone interessanti con cui scambiare quattro chiacchiere – anche se non molti parlano inglese.

COSA MANGIARE:

La Croazia è il paese delle grigliate! Carne o pesce che sia, non avrete che l’imbarazzo della scelta. I vini tradizionali non sono male per accompagnare il pasto o fare aperitivo. In molte zone della campagne inoltre troverete trattorie a conduzione famigliare che arrostiscono il maialino sul momento e dove spenderete davvero poco!

E voi siete mai stati in Croazia? Vi ispira come meta? 

PROPOSTA ITINERARIO: VACANZA IN CALABRIA

Il ponte del 2 giugno è arrivato e chi ama i viaggi – come me – è lì che scalpita. Parlando con diverse persone però mi sono accorta che non tutti hanno ancora prenotato, altri invece non possono partire adesso ma stanno cercando idee per fare comunque una bella vacanza quest’estate. Torno quindi a proporvi un itinerario nella nostra bella Italia, e questa volta vi porto in Calabria. E non a caso: il New York Times l’ha infatti inserita nelle destinazioni top del 2017, e se lo dicono loro che hanno il polso della situazione travel di tutto il mondo, c’è da fidarsi. E poi è bellissima! In particolare, avendo studiato arte e archeologia, io vi propongo la zona di Sibari, nel cuore della Magna Grecia: qui troverete spiagge bianche affacciate sul mar Jonio, natura incontaminata da esplorare, piatti della tradizione italiana tutti da gustare e una vivacità culturale e artistica fuori dal comune. La zona infatti è strategica sia per la classica vita da spiaggia che per una vacanza un po’ più strutturata, adatta alle esigenze dei più curiosi. In quest’area infatti si possono visitare affascinanti borghi ricchi di tradizioni e di storia, fotografare paesaggi naturali ancora selvaggi e incontaminati, esplorare siti archeologici di grande prestigio e suggestione ed immergersi nella bellezza dei parchi nazionali come il Pollino e la Sila. Per non parlare delle mangiate di pesce che potrete fare la sera, per riprendervi dalle “fatiche” della giornata! E non dimenticate i castelli normanni, le acque sulfuree delle sorgenti termali e, perché no, magari allungate il giro e fate un salto anche a vedere gli splendidi Sassi di Matera: rimarrete estasiati! Come vedete, il New York Times ha visto giusto: in Calabria (e dintorni) non ci si annoia di certo e ce n’è per tutti i gusti.

COME ARRIVARE E DOVE DORMIRE:
treni e bus, se prenotati in anticipo o in formule last minute, hanno sempre ottime offerte: questo è il momento giusto per informarsi, sia per il ponte per strappare qualche buon prezzo da “ultimo minuto” sia per le ferie estive. Se arrivate da lontano, date un occhiata ai prezzi dei voli delle compagnie low cost.
Per dormire, infine, clicca qui per un villaggio turistico in Calabria che unisce il comfort all’accoglienza, il tutto in una cornice prestigiosa immersa nella bellissima natura locale.

Instagram

  • Fuori piove dentro pure Facciamo un salto a Burano? rainbowcolorshellip
  • Estate italiana  buranoitaly bicilovers summervibes
  • latergram  Una giornata passata a parlare di viaggi Conhellip
  • Good Morning summer  summervibes flowerslovers ohmyprettydoor
  • Angolini vista mare  unavitavistamare liguriainside boccadasse
  • Come quando non c neppure bisogno di filtri intotheblue gorgesduverdonhellip
  • Un anno fa la mia Provenza lavenderfields lavenderlove provence
  • Sorprendente oslo con i suoi quartieri riqualificati lungo il fiumehellip
  • In piedi sullarcobaleno rainbowcolors buranoitaly burano

Archivi

  • 2017 (43)
  • 2016 (68)
  • 2015 (79)
  • 2014 (99)
  • 2013 (108)
  • 2012 (168)
  • 2011 (156)