Stai leggendo
APPUNTI (PERSONALI) DI STILE

APPUNTI (PERSONALI) DI STILE

 

Questo post necessita di un prologo: ho deciso di scriverlo perché spesso sento dire “come si veste bene quella ragazza” oppure “guarda quella sembra si sia vestita al buio durante una tempesta” ma ho notato che spesso il criterio che sta alla base di una o dell’altra considerazione non è mai universale. Infatti c’è chi pensa che una ragazza sia ben vestita solo se ha tutti pezzi griffati, altri credono che si debba seguire ogni diktat della moda indipendentemente dal proprio fisico, altre ancora credono che se non hanno scarpe e borsa coordinate non si possa uscire di casa… Ovviamente ognuno ha (giustamente) il proprio gusto personale, e so che con chi ha un blog sfondo una porta aperta, ma insomma, in giro per la città sono davvero poche le persone che colpiscono per uno stile personale e di cui mi viene da pensare “guarda come si veste bene!”.  Sia chiaro, io non ho alcuna autorità per dare giudizi assoluti, né tantomeno è quella la mia intenzione: vorrei solo condividere con voi questa considerazione e cercare di capire quali sono i miei (e i vostri) criteri per cui un outfit mi piace oppure no. I motivi per cui sto facendo questa riflessione sono due: il primo è che mi piacerebbe iniziare a postare qualche mio outfit, non tanto per mostrare me stessa (vengo malissimo in foto!) quanto perché sono convinta che dal confronto con voi possano nascere idee nuove e scaturire spunti interessanti per giocare con la moda; quindi lasciare qualche veloce “appunto di stile” prima di iniziare mi sembrava una buona idea. Il secondo motivo è che appunto parlando con alcune ragazze vedo che nonostante di moda si parli moltissimo e siamo tutti costantemente bombardati di input, c’è una sorta di confusione generale. Altrimenti non si spiega come mai si vedano tante persone con abiti magari stupendi ma mai un tocco personale, oppure l’incapacità di abbinare colori e fantasie…
So che detto così suona presuntuoso come discorso, e giuro che non era quella la mia intenzione, tantomeno con dei bloggers molto più esperti di me, ma solo sottolineare la differenza tra moda e stile, che non necessariamente coincidono, e condividere con voi la mia idea di stile, appunto.
In fin dei conti ognuna di noi ha delle piccole regole/convinzioni che più o meno inconsciamente segue quando apre il guardaroba la mattina, no? Ecco, io volevo solo farvi sapere le mie, e mi piacerebbe moltissimo conoscere le vostre!
1.     Indossare quello che sta bene a noi, non quello che sta bene a Gisèle o al manichino del negozio
2.     Abbinare i colori in modo gradevole ma non per forza banale. Sempre sofisticato il tono su tono, o il classico abbinamento nero+1colore a scelta, ma ogni tanto un lampo di colore spezza la monotonia. Un outfit grigio e nero può essere illuminato da una borsa rossa, un abito a righe blu e azzurre può star bene con sandali fucsia, una collana verde può valorizzare un abito viola…. mai perdere il piacere di sperimentare
3.     Un abito è bello anche (e soprattutto) se è adatto al posto in cui si va: gli short in jeans tagliati e sfrangiati al mare sono fantastici, in ufficio potrebbero scambiarvi per una che fa tutto un altro tipo di lavoro. Ciò non vuol dire non osare mai un contrasto sfizioso, per esempio una clutch di giorno è un’idea glamour, ma se poi le cose non vi stanno tutte dentro e insieme dovete portarvi un sacchetto di nylon proprio no!! Allo stesso modo i sandali gladiators possono essere sfoggiati in ufficio purchè abbinati per esempio ad una bella gonnellina e non agli shorts inguinali. In queste situazioni il buon gusto è sempre una buona regola
4.      Una persona è vestita bene se, indipendentemente da quanto ha speso, con quello che indossa sa valorizzare i suoi punti di forza e nascondere i difettucci
5.     E’ fondamentale sentirsi a proprio agio. Se ad un matrimonio volete essere eleganti ma con un vestito elaborato vi sentite ingessate, piuttosto indossate pantaloni di buon taglio e un top strepitoso. Se non sapete camminare sui tacchi, indossateli quando avete un autista (vale tutto e il locale è vicino; vedere gente in tiro che cammina sulle uova non è un bello spettacolo
6.     I dettagli fanno la differenza. Il che non vuol dire che dobbiamo avere necessariamente scarpe e borse da 300 euro minimo, ma che dobbiamo amministrare con fantasia quelle che abbiamo. La borsetta di paglia presa al mare può sdrammatizzare un outfit serioso, le scarpe di vernice possono rendere elegante un jeans, gli orecchini presi al souk marocchino possono dare un’allure etno al tubino nero, la pashmina colorata sta bene col blazer, e via dicendo…
7.     Anche se una particolare maglia sembra creata apposta per una particolare gonna, non proporre sempre lo stesso abbinamento perché verrà a noia a tutti, noi comprese. Bastano una maglietta bianca, un dolcevita nero, un pantalone grigio, un jeans classico, etc…. per creare molti abbinamenti diversi con capi più stravaganti e originali
8.    Per i capi basic, spendere pochissimo (per rinnovarli più spesso, appena si sgualciscono) oppure molto (perché siano durevoli e di buona qualità). Niente mezze misure
9.     Per un trend passeggero, le grandi catene low cost sono perfette. Occhio però al rischio di essere tutte vestite uguali: quindi ok all’abitino a fiori di H&M ma magari abbinato alla collana scovata in Messico e alla borsa vintage di Portobello…
10.  Reinventare: un foulard può diventare un bracciale, un fiocchetto si può incollare sulle ballerine basic, una spilla può rallegrare una borsa anonima, un orecchino di cui avete perso il compagno può diventare un ciondolo pezzo unico, un gioiello può diventare la chiusura di un golf, la cravatta del papà una cintura… quello che vi rende uniche vi rende speciali
11.  Meglio un pezzo unico da tre euro comprato al mercatino che la borsa che hanno tutte da 400
12.  Meglio poco che troppo: la semplicità è chic se non diventa banalità
E infine la 13, che è la mia regola principale: un abito deve colpire a prima vista, ma poi è la testa che fa la differenza!!
E voi che ne pensate? Questa è la mia lista, è personale, soggettiva e pronta a essere messa in discussione!

 

 

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Guarda Commenti (16)
  • discorso davvero difficle e compleso. Io spesso mi vesto in modo che non piace a molte persone…dicono che è troppo colorato. Mi sono effettivamente posta il problema "mgari effettivamente esagero" ma alla fine sono arrivata alla conclusione che quando ho voglia di vestirmi di viola-fuxia e azzurro lo faccio, e se agli altri non piace me ne farò una rgione, quando ho voglia vi vestirmi in modo più "classico" lo faccio e mi sento ugualmente bene in questi panni…nel primo caso mi piglio le critiche e nel secondo le lodi. Non ho uno stile ben definito, spazio dabbero tantissimo…

  • Fai benissimo a fregartene e vestirti come ti piace!! ognuno ha regole proprie e le infrange quanto vuole. Inoltre se a te piace e ti ci senti bene sarai molto più bella di persone tutte uguali senza personalità!! E poi il colore mette allegria, e quella non è mai troppa…

  • Post bellissimo tesoro.
    Ora già sa che scriverò un poema.
    Iniziamo col dire che la penso esattamente come te. Leggendo il post ho trovato molte affinità.
    Ecco io sono una di quelle che dice spesso: ma quella si è vestita al buio? Poi rimugino e penso che potrebbero dirlo anche di me.
    Fatto sta che io sono una persona molto semplice.
    Oso pochissimo, e solo con gli anni (???) ho imparato a miscelare e allo stesso tempo a guardarmi allo specchio con occhio meno critico.
    So allo stesso tempo cosa non posso permettermi e cosa mi valorizza e credo che questa sia una regola fondamentale.
    Amo le cose costose(chi non le ama?) ma mi piace e spendo molti più soldi per abiti lowcost. Certo volte punto alla quantità… forse peccando.
    Tutti punti sono perfetti. Aggiungo che lo stile è personale ma non deve essere eccessivo. Non amo quelle persone che indossano cose strambe solo per fare colpo. E potrei citare milioni di persone, compresa anna dello russo che è icona per altri ma non per me.
    E poi la testa…. hai ragione, se non c'è la testa e la personalità in un vestito non c'è niente.
    io ora sono curiosa di vederti, di vedere cosa ci proponi. Io all'inizio ero scettica, non sapevo se pubblicare o meno qualcosa di mio.
    Poi mi sono detta: siamo in ballo, balliamo e i commenti che amo di più sono quelli un po' critici, quelli dove mi suggerite qualcosa.
    Bacio tesoro ci sentiamo la settimana prox.

  • che bell'argomento come al solito XD i tuoi post mi ispirano sempre pensieri filosofici XD

    infatti penso che le persone si possano vestiere come vogliono, ma senza dimenticare il buon gusto e la dignità -.- sennò va a finire come una ragazza che ho visto per strada oggi che era abbastanza in carne ma che portava un mini(molto molto mini)di jeans che le faceva vedere tutto dalle mutandine…

    per carità io non voglio fare la predica anche io non sono magrissima, e so di non poter mettere gli abiti delle magrissima (anche perchè non ci entrerei) ma questo non cambia che con ciò che sta bene al mio fisico io non possa essere alle pari delle migliori fashioniste, per questo non è importante la marca o il pezzo di abbigliamento del momento anche perchè non sono certo queste cose che fanno di una persona la donna/uomo meglio vestita

    Baci
    http://theglamouravenue.blogspot.com/

  • Ciao Audrey,
    fare un giro nel tuo blog è sempre un piacere, è come entrare da Tiffany proprio con l'icone della moda..colei che ha fatto del tubino nero un must di eleganza e semplicità…Proprio da questo capo partirei…il tubino nero non dovrebbe mai mancare nel guardaroba di una donna, perchè è un capo versatile e con i giusti accessori diventa unico…
    Ho un guradaroba molto fornito e da un anno a questa parte mi sono innamorata dei vestitini sia invernali sia estivi, sono versatili utili quando non hai voglia di coordinare gonna golf camicia…o top sei pronta in poco tempo e sei adatta a qualunque occasione sia lavoro sia tempo libero.
    Io ho almeno due malattie: intimo coordinato come colori a quello che indosso sopra e scarpe e borse tra loro quasi dello stesso colore…so che sono malata di mente ma i particolare migliorano il look.
    Buona serata baci Alex

  • post molto bello e interessante… su questo argomento si apre un mondo e se ne potrebbe parlare all'infinito… tu sei riuscita a fare un riassunto più che chiaro e mi trovi totalmente d'accordo con ciò che hai scritto…
    aggiungo solo una cosa… se un outfit è ben riuscito e adatto a noi il primo pensiero di chi ci guarda dovrebbe essere "che bella che sei" e non "che bel vestito", l'obiettivo è valorizzarsi e siamo noi stesse a dover essere in primo piano e non il vestito.

    xxx

    f-details

  • Ho letto il post tutto d'un fiato e devo confessarti che ho trovato spunto per qualcosa che già frullava nella mia mente, ma non sapevo ben esprimerlo… Volevo creare un post analogo, ma sto ferma perché il tuo è assolutamente perfetto e non necessita di alcun appunto!
    Io a riguardo posso dire una cosa: odio tutte quelle che esagerano con gli accessori: tremila anelli, due orologi, 38473627 bracciali, orecchini lunghi quanto le liane di Tarzan… Ma viva la semplicità e l'eleganza, e in primis l'essere unici!
    Baci grandi! <3

  • quante volte mi sono trovata a dire: ma come si è vestita quella?? (che poi, non si sa perchè, si criticano solo le "femmine") e poi mi guardo e vedo un mix di colori, un pantalone troppo lungo, una converse troppo "masticata", e tanti altri particolari che però nell'insieme potrebbero non piacere a qualcun altro e far dire la stessa cosa!

  • @Alexis: adoro i tuoi “poemi”!! Vedo con piacere che abbiamo molto in comune! Proprio come te anch’io mi vestito in modo semplice, complice anche il fatto di abitare in un paese piccolo e pettegolo, poi ho iniziato a divertirmi con la moda, leggere riviste e libri, informarmi e ho visto quante cose mi stavo perdendo, quindi ho iniziato a osare un po’ di più. Ma sempre con uno stile fatto più di piccoli dettagli curati che non con un capo pazzesco che stupisce, anche in questo la penso proprio come te! Per carità, ci sono personaggi eccentrici che hanno fatto della stravaganza la loro bandiera, ma io penso che 1. L’eleganza è sempre più chic e 2. Io non sono su un red carpet, io vado tutti i giorni in ufficio, prendo i mezzi, esco direttamente la sera magari senza passare da casa… quindi gioco molto sui dettagli ma senza strafare… per ora funziona, a volte le colleghe mi chiedono addirittura se posso comprare anche per loro un capo che vedono addosso a me, ma come anticipavo nel post mi piacerebbe mettermi in discussione qui sul blog, quindi devo trovare qualche paziente persona che mi dia una mano con le foto… sono fondamentalmente un po’ timida e poi non avendo né il fisico né le ambizioni da modella sono anche un po’ spaventata, ma hai ragione tu, siamo in ballo e allora tanto vale, voglio che questa avventura del blog possa migliorarmi e arricchirmi, quindi devo mettermi in gioco a 360 gradi! Ti aspetto al tuo ritorno, un grosso bacio!

    @Claudia: su molte cose vedo che la pensiamo uguale!

    @Giusyta: grazie mia cara! Hai proprio ragione: anch’io vedo continuamente ragazze che si penalizzano da sole, con abiti improponibili! Io penso che qualcosa di adatto al proprio fisico si trovi se uno è obiettivo, non è che non devi più mettere le gonne ma magari cercane una più lunga, con un taglio diverso e un colore scuro… e via tre chili magicamente! Anch’io non sono certo magrissima, anzi sono a dieta ma ciò nonostante non sarò mai una 40, ma sono tantissime le cose che posso mettere e se la mini non è tra queste… bè ci sono problemi molto più gravi! Però almeno non mi renderò ridicola: è vero che ognuno può vestire come vuole, ci mancherebbe, ma è anche vero che poi bisogna accettare le eventuali critiche!

    @Alessia: grazie del complimento! Sono d’accordo con te: il tubino nero è un salva look e un must irrinunciabile!! Non mi sono dilungata qui solo perché gli ho dedicato un intero post il mese scorso, che puoi vedere con l’etichetta “must have”. In ogni caso è un capo insostituibile! Anche io sono abbastanza maniaca dei colori coordinati, ma ultimamente sto provando a sperimentare aggiungendo un tocco di colore qua e là e la cosa mi diverte!

  • @Sarah: grazie del passaggio e dell’info! Proverò ancora da H&M, la collana è molto carina e non mi sa di già visto… speriamo!!

    @Marta M.: grazie mille! Hai ragione un vestito deve renderti bella e far dire “come stai bene” non solo “che bella gonna”. E che soddisfazione è quando qualcuno ce lo dice??? Io mi sciolgo! Soprattutto se me lo dicono le ragazze, che di solito sono più attente ai particolari dei maschi!

    @Chiara: grazie, mi fai arrossire!! Comunque non rinunciare al tuo post, sarò felice di leggere il tuo punto di vista espresso con le tue opinioni! Sono d’accordo con te sugli accessori: a me piace che si notino ma mai che siano troppi. O una collana vistosa o orecchini chandelier, o bracciale spesso o anello luccicante. Poi per carità, se i gioielli sono molto fini e sottili ne metto anch’io più di uno, oppure adoro la cascata di bracciali su un solo polso, ma certo poi non metto null’altro di vistoso in quell’outfit. Meglio un minimalismo chic che una stravaganza choc!!! E poi alcune si riempiono di cose dando l’impressione di metterle tutte insieme solo per mostrare tutto in una volta tutto ciò che hanno! Se ti piacciono gli anelli, puoi alternarli, non c’è bisogno di metterne uno per ogni dito senza che siano tra l’altro un minimo coordinati. Non parliamo poi di due orologi, proprio non mi piacciono. Ma ovviamente tutto ciò è solo il mio parere personale. E magari appena pubblicherò un outfit sarò insultata perché troppo semplice 😉

    @Leigh: tanks!! I will follow you on your blog! I love Audrey, her style, elegance…. She’s a lady!!

    @Pearl: tanks a lot! Audrey is my icon for her style non only for look and film but also for her life style and benevolence

    @Sole: grazie amica mia!! Ti rispondo subito: scrivo di notte!! Davvero, il blog è una tale passione che faccio le ore piccole ogni sera per impostare i post, poi magari in pausa pranzo ho un po’ di tempo per rivederli e pubblicarli. Per fortuna scrivo di getto e senza filtri, se no ci vorrebbero davvero ore!! Ma ogni minuto passato con il mio blog e i vostri mi regala serenità!

    @Noesse: certo, ognuno hai i suoi gusti e tutti vanno rispettati!! Però a volte c’è anche un cattivo gusto proprio oggettivo, che davvero ti fa chiedere “ma quella/o si è guardata allo specchio prima di uscire?”
    Detto questo, se una mette cose brutte o che le stanno male ma le sa portare con orgoglio e si sente bene nei suoi panni, tanto di cappello!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Copyright 2019 © by BSide Art Studio