Archivi Tag: home

PINK & GREEN INTERIOR

Verde cactus e rosa confetto. Menta e fragola. Pink & Green. Indipendentemente dalla definizione che scegliamo, stiamo parlando di 2 colori non solo bellissimi ma anche di grande tendenza. Ok, è l’anno dell’Ultraviolet, ma siamo seri, mica si può arredare una casa interamente di viola?! Invece l’accoppiata rosa/verde è trendy e al contempo fresca e versatile. Potete sbizzarrirvi, tanto vale tutto: un paio di accessori studiati buttati con nonchalance in un salotto, una serie di arredi ad hoc, un set per la mise en place o ancora le tinte per le pareti oppure la decorazione floreale. In qualsiasi forma scegliate questo duo vincente, trasformerete un angolo della vostra casa in una zona davvero cool! E super instagrammabile, ça va sans dire 😉 

PER DORMIRE…. IN UNA FIABA!

Cosa serve per dormire bene?
E’ questa la domanda grazie a cui è nata la prima collezione del progetto “Design Democratico italiano” di PerDormire, brand toscano leader nella produzione di materassi e sistemi letto.
La risposta è stata molto chiara: ci ha pensato il celebre architetto Fabio Novembre, designer della collezione, che per disegnarla si è ispirato al magico mondo delle fiabe. E io, da brava bambina cresciuta, potevo farmela scappare?! Pensateci: chi non amava addormentarsi ascoltando la fiaba della buona notte?
Così, Novembre ha attinto al mondo onirico dei racconti per ideare e disegnare i sei letti della linea, che prendono il loro nome appunto da elementi fiabeschi: Castello, Principessa, Regina, Abito, Luna e Nuvola. Tutti i letti raccontano piccole storie, attraverso semplici ma mirati accenni a mondi incantati in cui ci si può riconoscere – e ogni tipologia può esistere in una versione più o meno esplicita, assecondando le diverse tipologie di cliente. E poi, posso dirlo? Già solo i nomi, secondo me, sono spettacolari! E i rimandi sono semplici da cogliere: il “Castello”, per esempio, è un letto strutturato costruito per accogliere coppie il cui amore poggia su fondamenta solide, mentre il “Principessa” è un letto a livelli che strato dopo strato vuole accogliere e dare conforto. Affascinanti anche il “Luna”, ispirato al senso dello spazio per spingere i sogni verso l’infinito, e il “Nuvola”, un letto che con la sua leggerezza invita a vivere ad occhi aperti sogni concreti.

Siamo orgogliosi di aver dato via a questo progetto – commenta Paolo Luchi, direttore commerciale e marketing di PerDormire – perché siamo riusciti nella sfida di coniugare le esigenze funzionali dei nostri letti e quelle di un design di alto livello al fine di creare dei prodotti 100% made in Italy che potranno entrare in tutte le case degli italiani”.
Una sfida non da poco, ovvero garantire il lusso di una buona dormita e il benessere derivante da un letto di qualità a tutti, e non solo a chi può permettersi extra budget. La collezione è disponibile in esclusiva nei 96 punti vendita PerDormire presenti in tutta Italia e coniuga molto bene prodotti pratici e funzionali, design di alto livello e prezzi accessibili. Quindi, missione compiuta!

E’ L’ORA DELLA LANA!

Io amo l’estate, e anche tanto. C’è più luce, si sta fuori di più, tutto sembra più bello. Ma l’autunno ha un suo fascino particolare che puntualmente riscopro nel momento in cui vedo il primo foliage e tiro fuori dall’armadio i maglioncini di lana. C’è qualcosa, nella lana, che mi ricorda gli abbracci. E poi che dire della copertina che magicamente ricompare sulla mia poltrona preferita e fa compagnia al libro del momento e all’immancabile tazza di tè caldo (altro speciale piacere dell’autunno)? Tra l’altro, ormai la lana è diventata protagonista non solo di maglioni e copertina, ma anche proprio dell’arredamento di casa. Una coperta fatta ai ferri buttata con “nonchalanche” su un divano può diventare il punto forte del salotto. In questi primi giorni di freddo vero, ho cercato un po’ di ispirazione, anche perchè ho una bellissima coperta fatta a mano da mia mamma, e questa è la mia personale “inspo gallery”: che ne dite? Avete già rispolverato la lana o siete ancora in trench e vestitini? 😉  

ARREDARE… CON LA LUCE!


Se pensiamo al fatto che la parola “fotografia” significa “scrivere con la luce”, non è difficile immaginare quanto sia importante, in ogni momento, la giusta illuminazione. E non solo quando scattiamo foto. In ogni momento della vita, la quantità – e la qualità – della luce che ci circonda, presente nell’ambiente in cui ci troviamo, è fondamentale. Fa davvero la differenza. Non a caso, nei paesi in cui la luce è davvero poca, si verificano spesso casi di malessere legati alle troppe ore di buio. Tutto ciò per dirvi che, da amante della fotografia ma anche del buon vivere, quando ho arredato la mia nuova casa ho prestato tantissima attenzione all’illuminazione. Mi piace vivere in un luogo che sia luminoso 24 ore su 24, e soprattutto negli spazi dove si passa la maggior parte del tempo – la cucina, il salotto – una buona illuminazione è fondamentale. Quando ho iniziato ad arredare, pensavo che bastasse scegliere un lampadario che colpisse il mio gusto estetico, ma ci ho messo un microsecondo a capire che c’è molto di più da considerare. La prima cosa da chiarire è la destinazione d’uso del luogo in cui dobbiamo posizionare le luci: relax, studio, lavoro, cucina, etc… Infatti, ogni tipo di attività prevede un diverso tipo di illuminazione. Per la cucina, per esempio, ho scoperto che mi serviva un tipo di luce regolabile, che fosse intensa nell’attimo in cui si traffica sui fornelli e molto più intima nel momento in cui si cena con gli amici o con una persona speciale. E poi bisogna fare i conti con mensole e pensili, quindi scegliere delle tipologie di lampade o faretti che ben si adattino all’arredamento. Arredare… con la luce, appunto! In questo senso, mi ha colpito in senso positivo il sistema di illuminazione per la cucina di Philips Lighting. La cucina, infatti, è il vero cuore della casa e Philips Lighting progetta fin nei minimi dettagli il sistema illuminotecnico, trovando il prodotto più adatto per ogni angolo della stanza. Non semplici lampadari ma veri e propri complementi d’arredo, con un design ricercato e uno stile unico. Inoltre, c’è anche la possibilità di aggiungere Philips Amaze Hue al sistema, in modo da avere la luce bianca naturale anche in cucina: vuoi vedere che mi trasformo in una food blogger 😉 ?!

CON LA CARAFFA FILTRANTE BRITA… C’E’ PIU’ GUSTO!

Quando sono venuta ad abitare nel pieno centro di Torino, ero felicissima. E lo sono ancora: adoro la mia zona ricca di locali, negozietti, ristorantini e boutique. La mia casa è funzionale e in due passi sono in centro, oppure alla fermata di bus e metro: comodissimo! L’unica cosa che non mi ha mai convinto del tutto, dato che si tratta comunque di un edificio storico (e quindi con impianti non nuovissimi), è l’acqua del rubinetto.
È potabile, come in tutta la città, ma mi ha sempre lasciato un po’ perplessa. In questi giorni però ho provato la caraffa filtrante BRITA e devo dire che mi si è aperto un mondo! Si tratta di un’azienda tedesca che ha inventato questo tipo di caraffe per proporre un’alternativa pratica, economica e pure ecologica al consumo di acqua in bottiglia. La caraffa filtrante serve infatti a migliorare il gusto dell’acqua del rubinetto, riducendo calcare, cloro e residui di rame e piombo, che possono talvolta essere presenti nelle tubature di casa. Per non parlare della soddisfazione di non dovermi più trascinare le casse d’acqua su per le scale tutte le volte 😉

Un’innovazione a parer mio geniale, che migliora sensibilmente la vita quotidiana. Tra l’altro a casa mia beviamo tè e caffè in continuazione quindi l’idea di bere finalmente acqua davvero pulita ha reso felici tutti quelli che bazzicano la mia casa. E poi sentire di contribuire in qualche modo alla difesa dell’ambiente è sempre una soddisfazione che non ha prezzo!
La tecnologia applicata da BRITA è semplice ma efficace: si tratta di un nuovo filtro potenziato, chiamato MAXTRA+, che garantisce una filtrazione ancora più efficace. La maglia filtrante, ancora più fine di quella precedente, consente di trattenere un volume ancora maggiore di particelle indesiderate, riducendo inoltre il calcare e intervenendo in maniera ancora più decisa sul cloro, sapore che riscontravamo ahimè di frequente nella nostra acqua di casa – come immagino capiti in moltissime abitazioni.

Tra l’altro oltre al nuovo filtro è stato lanciato anche un nuovo modello di caraffa: BRITA FILL&ENJOY STYLE, una vera e propria icona di stile, grazie alle sue linee morbide, naturali e minimali. Una doppia rivoluzione di gusto quindi: gusto per un’acqua finalmente davvero pura e gusto per un bell’oggetto da tenere in cucina e mostrare agli ospiti con orgoglio.

#Brita

Buzzoole

Buzzoole

Instagram

  • Tutte le domeniche dovrebbero essere vista mare guardate le Stories
  • Happy hour with view  Aperitivo con vista birraforbreakfast munchen
  • Summer vibes only flowerpower flowerstagram flowersshotz flowerdaily summertimefun
  • Linee dritte Riflessi colorati Cielo e nuvole Vetro e biciclette
  • Cera una volta una bambina che guardava sempre i film
  • Linderhof Palace  dettaglio di una volta dipinta Vedere larte
  • I cigni come gli albatri intraprendono il volo con difficolt
  • Unaltra cartolina del Castello di Linderhof  con inclusa gru
  • Una cenetta vista lago E un bel bicchiere di bollicine

Archivi

  • 2018 (15)
  • 2017 (67)
  • 2016 (68)
  • 2015 (79)
  • 2014 (99)
  • 2013 (108)
  • 2012 (168)
  • 2011 (156)