Stai leggendo
DON’T BE LATE FOR DINNER! # 4 – VENEZIA part. 1

DON’T BE LATE FOR DINNER! # 4 – VENEZIA part. 1

Credo che Venezia avrà sempre un posto speciale nel mio cuore. Sarà che amo le città sull’acqua, sarà che ci sono stata molte volte con i miei genitori e con il mio primo fidanzatino del liceo, fatto sta che io la adoro. E ci torno ogni volta che posso. L’ultima volta, lo scorso settembre, ho avuto anche i preziosi consigli di una carissima amica che ci ha vissuto per anni, Claudia di Klava and the Whool. E da brava blogger non posso non svelarli anche a voi. Partiamo con i consigli pratici, soprattutto quelli gastronomici…

COME ARRIVARE E COME MUOVERSI:

il mezzo migliore è il treno, e non soltanto per la comodità: uscire dalla stazione di Venezia Santa Lucia ti regala un primo scorcio sulla città pazzesco. Se invece siete in auto, la cosa più comoda è lasciare la vettura a Mestre e poi muoversi con i mezzi. I vaporetti sono molto cari rispetto ai nostri autobus (1 corsa costa 7 euro!!) quindi consigliatissimo l’abbonamento (da 24 ore in su): la cosa buona è che il conto delle ore inizia dal momento in cui si timbra quindi con un po’ di organizzazione con un “giornaliero” da 24 ore si riesce a girare quasi 2 giorni. Il che è perfetto perchè nell’abbonamento sono inclusi anche i vaporetti che fanno la spola tra le isole: raggiungere Burano, Murano e Torcello sarà quindi facile ed economico!

DOVE DORMIRE:

io ho scovato un alberghetto 2 stelle molto pulito ed economico proprio dietro Piazza San Marco: la base perfetta per qualsiasi tipo di itinerario. Camera spaziosa con bagno privato a circa 50/60 euro a notte, pochissimo se si conta che eravamo a 50 mt. dal Campanile di San Marco.

HOTEL ASTORIA, calle Fiubera 951/A – info@hotelastoriavenezia.it

La colazione non è compresa, volendo costa 5 euro in più ma secondo me non li vale: io consiglio di farla in qualche bel bar o pasticceria prima di iniziare ad esplorare la città!

COSA MANGIARE (E BERE):

a Venezia è d’obbligo l’aperitivo, tradizione che ho sposato molto volentieri: non fatevi mancare un’ombra (bicchiere) di rosso o uno spritz all’aperol con un “cicchetto” (uno spuntino sfizioso tipo una polpetta di pesce o di carne, un tramezzino, un’oliva ascolana, un crostino…). I due posti che consiglio sono vicinissimi e sono L’Arco e la Cantina I do Mori, entrambi in zona Rialto. Scendendo dal ponte dal lato mercato, prendere la prima grande calle sulla sinistra: si trovano entrambi sotto ad un arco sulla vostra destra. Se non avete problemi di budget, consigliato il Banco Giro, sotto i portici del mercato: vino buonissimo e terrazza bellissima sul Canal Grande.

Da non perdere anche il Timon: prezzi popolarissimi, chicchetti buonissimi e molto vari e possibilità di rilassarsi su un barcone ormeggiato in fondamenta a bersi il proprio spritz.

Ristoranti: 

La Zucca – dietro campo San Giacomo da l’Orio (chiedete in campo): non è low cost ma è buonissimo.

I Bar i zona CA’ FOSCARI, quelli dove vanno gli studenti (da provare quello in fondo alla Calle con la caserma dei pompieri, proprio vicino alle nuove segreterie)

Il Paradiso Perduto – Fondamenta della Misericordia: verdure grigliate e musica

Rosticceria – Calle della Bissa, dietro Campo San Bartolomeo: da provare le mozzarelle in carrozza alle acciughe o al prosciutto

Per mangiare pesce: Anice Stellato e Ai 40 ladroni, entrambi in Fondamenta della Sensa. Il primo offre cucina creativa, il secondo varia il menu in base alla stagione e alle materie prime disponibili in quel momento.

Pizzerie:

Ae Oche – vicino a San Giacomo da l’Orio: pizza niente male (a differenza che nella maggior parte delle pizzerie veneziane) e ad un prezzo accettabile

Al Casin dei Nobili – all’uscita di Campo San Barnaba verso calle Toletta: se il tempo è clemente qui riuscirete a mangiare all’aperto

Da Sandro – vicino a Campo San Polo: carino, ha la cucina su un lato della Calle e la sala di fronte

Pasticcerie:

La migliore in assoluto è Tonolo (tra Campo Santa Margherita e Ca’ Foscari)

PER IL DOPOCENA: 

CAMPO SANTA MARGHERITA: il centro della vita notturna veneziana. Bazzicate al bar ROSSO e poi spostatevi poco lontano (a San Pantalon) al BLUE o il NOIR.

Musica jazz al Torino in Campo San Luca il giovedi’ sera e musica dal vivo al Paradiso Perduto nei weekend.

Ovviamente mettete in conto anche una bella passeggiate tra le viuzze e i ponticelli sospesi sull’acqua dall’ora del tramonto in poi…. E gli innamorati non dimentichino un bacio porta fortuna sotto al Campanile di San Marco.

  P1040474_Fotor

P1040513_Fotor

Guarda Anche

P1050007_Fotor

P1050020_Fotor

P1050058_Fotor

P1050071_Fotor

P1050103_Fotor

P1050105_Fotor

P1050154_Fotor

P1050158_Fotor

P1050183_Fotor

P1040503_Fotor

P1040532_Fotor

Questi consigli sono frutto della mia esperienza personale e delle dritte della mia amica (che ringrazio ancora), ovviamente lo scopo non è proporre una guida esaustiva e completa su Venezia ma provare a offrire qualche spunto per chi vuole regalarsi un fine settimana in una delle città più belle del mondo senza spendere una fortuna ma godendone appieno. Io ci sono riuscita e ho provato, come sempre, a raccontarvelo.

Nella prossima puntata: COSA VEDERE e…. COSA COMPRARE!

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Guarda Commenti (14)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Copyright 2019 © by BSide Art Studio