Stai leggendo
GIAPPONE FAI DA TE: ITINERARIO E QUALCHE CONSIGLIO PER ORGANIZZARE IL VIAGGIO

GIAPPONE FAI DA TE: ITINERARIO E QUALCHE CONSIGLIO PER ORGANIZZARE IL VIAGGIO

In tantissimi avete seguito il mio viaggio in Giappone fai da te sulle Instagram stories, e in tantissimi mi avete scritto per chiedere info e dettagli. Ho deciso quindi di pubblicare (quasi) subito un post riepilogativo, in modo da darvi già l’itinerario e qualche info pratica. La stagione dei ciliegi è arrivata, molti sono in partenza e io continuo a ricevere domande: spero quindi che questo articolo possa essere utile, ma in caso, come sempre, scrivetemi pure!

Giappone fai da te: itinerario

Io purtroppo ho dovuto fare i conti con un periodo di ferie non lunghissimo, quindi ci tengo a sottolineare che questo viaggio è stato solo un assaggio: questo paese meraviglioso merita sicuramente più tempo!
DAY 1: Torino – Amsterdam – Osaka
DAY 2: Osaka
DAY 3: Osaka –> Kyoto
DAY 4: Nara (escursione in giornata da Kyoto)
DAY 5: Kyoto
DAY 6: Kyoto
DAY 7: Kyoto –> Tokyo
DAY 8: Tokyo
DAY 9: Tokyo
DAY 10: Tokyo – Amsterdam – Torino

Io ho volato con KLM, come sempre precisi, puntuali, con ottimo cibo e film di prima scelta a bordo.
Costo del volo: circa 600 euro sul sito della compagnia, comprato un po’ in corsa, ma organizzando con più anticipo le tariffe possono scendere ancora un po’.

giappone fai da te 5

giappone

Per quanto riguarda gli hotel, li ho cercati con circa 1 mese di anticipo su Booking (ma se andate in alta stagione dovete partire moooolto prima!) e mi sono trovata benissimo in tutti, quindi ve li segnalo molto volentieri.
OSAKA: Ibis Style Hotel Namba
Punti di forza: a 1 min. dalla via principale di Namba, Dotonbori. Sicurissimo per muoversi a piedi giorno e notte. Camera privata con bagno + ampia finestra sulla città; colazione abbondante inclusa al 14 piano con vista.
KYOTO: Izutsu Hotel Kyoto Kawaramachi Sanjo
Punti di forza: pieno centro, sulla una delle vie dei negozi a pochi minuti a piedi da Gion, Pontocho, Nishiki Market e i principali Santuari e fermate della metro. Sicurissimo giorno e notte. Taxi in zona. Camera molto carina, bagno con vasca.
TOKYO: Royal Hotel Shin-Okubo
Punti di forza: camera immensa, non solo per gli standard giapponesi, con bagno e finestra. A 200 mt. dalla fermata Shin-Okubo, sulla Yamanote Line, linea circolare che porta praticamente in tutti i principali luoghi d’interesse turistico (oltretutto, compresa nel Japan Rail Pass). Comodissima la posizione (1 fermata di metro da Shinjuku, 3 fermate da Shibuya, etc.). Quartiere coreano, molto vivo a tutte le ore e perfetto per lo shopping beauty/skincare e per l’ottimo street food.

Giappone fai da te: info pratiche

giappone fai da te 4

giappone fai da te 2

giappone fai da te Nara


Come molti sanno, il Giappone è un paese super sicuro. Io ero sola e non ho mai avuto la percezione di un qualsiasi tipo di pericolo, anche minimo. Ovviamente valgono le classiche regole di prudenza che usereste in qualsiasi parte del mondo, ma se andate da soli state tranquilli. Oltretutto, anche se non parlano inglese, faranno di tutto per aiutarvi a capire dove dovete andare, in caso di bisogno. Ad ogni modo, io consiglio di munirsi di pocket wi-fi in modo da avere sempre la connessione a portata di mano: riduce sensibilmente i tempi, perchè spesso capire come andare da punto A a punto B NON E’ per niente immediato. Invece con google maps tutto è molto più semplice e, soprattutto, veloce. Io ho noleggiato il pocket wi fi direttamente dall’Italia e me lo sono fatta mandare in aeroporto ad Osaka, in modo da essere connessa fin da subito alle mappe, etc. L’ho noleggiato sullo stesso sito dove ho acquistato il Japan Rail Pass (vd. più avanti) e mi sono trovata bene. Per restituirlo, è bastato infilarlo nella busta preaffrancata che mi hanno dato loro insieme al device e imbucarlo direttamente all’aeroporto di Narita. Tra l’altro, avendo già inclusa la presa locale, mi è stato utile anche avere un cavo in più per ricaricare le mie power bank, mentre con il mio adattatore universale caricavo invece macchina fotografica e Iphone (sì, le prese in Giappone sono diverse, ci va l’adattatore!).

giappone fai da te 7

Per quanto riguarda il cambio, 100 YEN valgono poco meno di 1 euro. Io avevo già prenotato un tot di YEN dall’Italia, tanto per stare tranquilla, ma poi ho sia pagato con la carta sia prelevato in loco senza problemi (anche se per ogni transazione, shopping compreso, la Mastercard mi ha applicato una commissione abbastanza altina).

Un’ultima info a proposito dei soldi: molti prezzi nei negozi non hanno l’IVA inclusa – che in Giappone è dell’8%. Comunque non preoccupatevi, di solito la politica dello shop è specificata in diversi cartelli;  se si tratta di prezzi IVA esclusa, normalmente trovate sia la cifra “pulita” sia quella ivata (ovvero quella che effettivamente pagherete una volta in cassa).

giappone fai da te

Guarda Anche

Giappone fai da te: Japan Rail Pass

E’ vero, costicchia (230 euro circa per 7 giorni), ma se ci si vuole spostare da Kyoto a Tokyo – o viceversa – con i famosi Shinkansen (o bullet train), si ammortizza la spesa quasi solo con questo unico spostamento. Attenzione: va comprato dall’Italia, perchè è riservato ai turisti. Si riceve a casa un voucher e una volta in Giappone, negli uffici preposti, si cambia con il pass vero e proprio, decidendo da che data farlo partire. Io l’ho cambiato il primo giorno ad Osaka in aeroporto, per togliermi il problema nei giorni successivi, e l’ho fatto partire in modo che coprisse il viaggio fino all’ultimo giorno, includendo anche il Narita Express per l’aeroporto di Tokyo (un altro servizio non certo economico). Onestamente, io l’ho sfruttato tantissimo: per esempio, a Tokyo vale anche sulla Yamanote Line, che raggiunge quasi tutte le attrazioni turistiche principali. A Kyoto, invece, si sfrutta sia sulla linea JR SAGANO per Arashiyama (foresta di bamboo) sia sulla JR NARA che va a Nara, Uji e al Fushimi Inari. Inoltre, andare fino in Giappone e non vedere sia Tokyo che Kyoto non avrebbe avuto senso: ecco quindi che la spesa è stata ampiamente giustificata!

Sullo stesso sito, già che c’ero, ho acquistato dall’Italia anche la carta Suica, valida su gran parte dei sistemi urbani metropolitani. Funziona come una prepagata, su cui c’è già del credito (quando finisce si ricarica alle apposite macchinette), e serve per la metro e gli autobus di tutte le linee statali ma anche per acquistare nei minimarket tipo i “7 Eleven”. Comodissima anche per non impazzire a capire il costo di ogni tratta urbana (per esempio, sugli autobus di Kyoto): la strisci e avviene automaticamente l’addebito corretto. Si può restituire prima di tornare a casa, ma ricordatevi che la carta dura 10 anni: io personalmente la sto conservando per il prossimo viaggio. E, sinceramente, io non vedo l’ora di tornare in Giappone!

PS: questo primo post vuole dare una serie di info pratiche esclusivamente basate sulla mia esperienza. Non ho accordi con nessuno dei siti o delle strutture citate. In caso di dubbi, come dicevo all’inizio, contattatemi sui miei social o lasciatemi un commento qui sotto. Seguiranno altri post sul Giappone, ho ancora qualche dritta da darvi e milioni di foto e consigli sulle singole mete!

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Guarda Commenti (1)
  • il Giappone è davvero un sogno. Ho fatto pure io questo itinerario ed è una delle cose che mi rimarrà per sempre nel cuore. consiglio a tutti di farlo! ottime foto 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Copyright 2019 © by BSide Art Studio